La senatrice Venerina Padua eletta nella direzione nazionale del PD

"Tutto ciò significa accendere ancora di più i riflettori sul territorio della nostra provincia"

80
Venerina Padua
-Pubblicità-

SCICLI –  La senatrice Venera Padua è stata eletta nella direzione nazionale del  PD. Il riconoscimento ieri in occasione dell’assemblea nazionale del partito, tenutasi a Roma, che ha consacrato Matteo Renzi segretario. “Sento forte la responsabilità – sottolinea la senatrice Padua – di contribuire a rappresentare la Sicilia e ringrazio il segretario, Matteo Renzi, che ho sostenuto convintamente e che mi ha dato la propria fiducia. Intendo, altresì, ringraziare, in maniera convinta, i militanti, i dirigenti, i volontari che hanno, con il loro generoso impegno, reso possibile lo svolgimento delle primarie. Primarie che hanno permesso l’esercizio della democrazia nel nostro partito, fatto che non mancheremo mai di sottolineare. Naturalmente, è da mettere in evidenza l’impegno delle cittadine e dei cittadini che hanno riposto la loro fiducia nel nostro gruppo. E’ chiaro che, a partire da questo momento, il mio impegno politico sarà ulteriormente potenziato sempre allo scopo di cercare di rappresentare le esigenze del nostro territorio ibleo in particolare e della nostra Sicilia in generale. Avremo una occasione in più per portare avanti i numerosi progetti oggetto di confronto nel corso di questa legislatura rispetto a cui siamo pronti ad incassare importanti risultati grazie anche all’attivazione di tutta una serie di decreti attuativi. Lavoreremo, se possibile, ancora di più perché questa grande attenzione verso il nostro territorio possa essere a tutti gli effetti realizzata. Chiederemo che le risorse a disposizione per l’area iblea e per la Sicilia siano utilizzate al più presto. Non vogliamo scontare-conclude Padua- ulteriori ritardi né correre il rischio di non spendere queste risorse. E in questo senso il Pd, anche a livello nazionale, è chiamato a svolgere un ruolo di primo piano”.

  Venera Padua

 Senatrice della Repubblica