Controlli al mercato ittico di Donnalucata, si attendono i risultati del blitz del NAS

I militari dell'arma si sono presentati in borghese

475
Mercato ittico di Dannalucata (FOTO SVN)
-Pubblicità-

SCICLI – Non si conoscono ancora gli esiti del controllo all’interno della pescheria di Donnalucata, sita nella centralissima via Pirandello. Ad eseguirlo nella mattinata di giovedì scorso sono stati i carabinieri del Nucleo antisofisticazioni del comando provinciale di Ragusa. Un blitz vero e proprio, eseguito dai militari dell’Arma specializzati nel settore della sicurezza di igienicità e di certezza alimentare. I carabinieri si sono presentati in borghese ma fra i passanti e fra gli stessi acquirenti del pesce si è capito subito che si stava trattando di un controllo capillare dell’attività al pubblico all’interno dell’area adibita a mercato del pesce.

E’ qui che il Comune ha realizzato cinque ampi box dove i pescivendoli ed i pescatori stessi vendono al dettaglio i prodotti ittici. Ed è qui che ha posizionato questo servizio per la collettività. I carabinieri del nucleo antisofisticazioni avrebbero sostato alcune ore nell’area di via Pirandello. Non si conoscono gli esiti dell’attività di verifica ed indagine ma non si esclude che possano essere state verificate le licenze per ciascun operatore. In questa struttura il Comune di Scicli ha concesso dei box per la vendita del pesce attrezzando questi luoghi dei servizi essenziali, da quello della fornitura dell’acqua a quello della raccolta dei rifiuti. Appena una settimana prima il sindaco Vincenzo Giannone, da sette mesi alla guida del Comune sciclitano, aveva effettuato un sopralluogo sia nella zona della pescheria comunale che nelle aree limitrofe finalizzato alla istituzione della zona a transito limitato su via Pirandello e per verificare lo stato della struttura e la sua funzionalità. Attività, quella del primo cittadino, inserita in un ampio programma di accertamento della vivibilità delle borgate della fascia costiera. La pescheria comunale, realizzata a singoli box uniti da pareti divisorie, è stata riammodernata con fondi della Regione siciliana che nel 2010 aveva concesso al Comune di Scicli un finanziamento di 495 mila euro, a fronte dei 583 mila euro richiesti nell’ambito della riqualificazione del retro porto di Donnalucata e del mercato ittico. Le somme era state prelevate dalle risorse destinate a “Porti, luoghi di sbarco e ripari di pesca” del FEP 2007/2013. Con quelle somme erano state eseguiti anche i lavori di ristrutturazione e di adeguamento di un fabbricato da adibire a magazzinaggio del prodotto sbarcato poco distante dalla pescheria.