Rispuntano le discariche di rifiuti ingombranti, dove sono i controlli annunciati mesi fa?

C'è forse qualcuno che spande questi rifiuti nel territorio per mettere in cattiva luce l'amministrazione comunale?

751
(Foto archivio SVN)
-Pubblicità-
SCICLI – Rifiuti ingombranti ovunque. Da alcuni mesi a questa parte il fenomeno delle discariche abusive a cielo aperto è ripreso con vigore. Specie nell’ultimo mese vecchi materassi, frigoriferi, cucine, televisori, mobili e, talvolta, anche dei copertoni “inquinano” il territorio. In diversi posti periferici è facile vedere l’indecoroso spettacolo. Sia percorrendo le strade di zone rurali che di mare ci s’imbatte in questo ‘serio’ degrado. Come è possibile che il fenomeno sia riesploso con prepotenza? Eppure il servizio di ritiro degli “ingombranti” a domicilio ci dicono funzioni. E allora? C’è forse qualcuno che ‘spande’ questi rifiuti per mettere in cattiva luce l’amministrazione? Sono solo domande.
Su Facebook proprio oggi è circolato un video, fatto da un cittadino qualunque che mostrava una mega discarica di rifiuti ingombranti accanto a dei contenitori della spazzatura alla periferia di Donnalucata, in una zona di “passaggio”. “Oggi nella discarica di via del Palo Bianco si è aggiunto un comò”, ha scritto una cittadina sul proprio profilo social. Qualche cittadino si è pure chiesto che fine hanno fatto i controlli della polizia locale e le telecamere nascoste nei punti più “battuti” per colpire chi origina le discariche abusive?  Il territorio va tutelato; in questo periodo sono migliaia i turisti che girano per Scicli e le borgate e non è bello mostrare questi segni di inciviltà. Qualcosa bisogna fare. Lo chiedono  i cittadini per difendere l’immagine di uno straordinario territorio, diventato bene dell’Umanità. Ray Bondin, ambasciatore dell’Unesco, ricorda che un’amministrazione comunale deve difendere il prestigioso riconoscimento, garantendo pulizia e decoro non solo nel centro storico ma anche in periferia. Occorre un ulteriore sforzo da parte di tutti (cittadini e amministratori) a tenere più pulito il territorio.