“Il cartellone estivo 2017 perde l’infiorata e la sfilata dei carretti siciliani”

Il rammarico del gruppo consiliare d'opposizione

1211
-Pubblicità-

SCICLI – Il programma estivo 2017, presentato dal Comune, sta per entrare nel vivo. Un cartellone “variegato che accontentata tutte le fasce della popolazione”, come ha più volte detto l’assessore comunale alla Cultura Caterina Riccotti anche a SVN. I consiglieri di minoranza (Marianna Buscema e Mario Marino dell’Udc, Rita Trovato di Laboratorio Scicli, Claudio Caruso del Pd e Enzo Giannone di Scicli Popolare) in una nota esprimono rammarico “per la perdita di due momenti d’intrattenimento molto attesi in città: l’infiorata e i carretti siciliani organizzati dal Comitato di Santa Maria la Nova”.  
“Apprendiamo con rammarico -riporta la nota-la notizia in merito alla quale il Comitato di Santa Maria la Nova ha deciso di non fare il tradizionale evento della sfilata dei carretti siciliani e dell’infiorata, eventi che per quasi 10 anni hanno caratterizzato uno degli appuntamenti più attesi dell’estate sciclitana” .
 ” Il Comitato di Santa Maria la Nova è riuscito negli anni a coinvolgere più di venti carretti siciliani e parecchie dozzine di cavalli provenienti da Scicli ma anche dai paesi limitrofi che con una ricca rappresentanza molto variegata ha attraversato le vie del centro storico nella giornata del 16 agosto con la successiva  infiorata che ormai portava davvero tantissime presenze turistiche in paese. L’abnegazione del Comitato è stata sempre un segno di garanzia, da quasi 10 anni, di una riuscita ottimale, non una semplice passeggiata di qualche carretto ma più di venti carretti e  bardatori che hanno fatto gustare ai numerosi turisti presenti l’aria di festa e la bellezza delle nostre tradizioni”. Il gruppo consiliare di minoranza aggiunge: “Ci spiace che l’amministrazione comunale non abbia supportato dovutamente questa manifestazione dando quella spinta realizzativa già sostenuta da alcuni sponsor privati,  interrompendo una continuità che certamente la faceva essere uno degli eventi più attesi dell’estate. La nostra speranza è che per il prossimo anno- chiude la nota- non abbia  più ad accadere un episodio simile e si possa dare il giusto sostegno a chi da tantissimi anni ha lavorato con la sola finalità di dar lustro alle nostre tradizioni”.