L’etiope Yasin Haji Hayato vince l’edizione 2017 del “Peppe Greco”

Secondo e terzo posto per i keniani Paul Kariuki e Elvis Kipkoech

669
Nella foto Yasin Haji Hayato, vincitore 2017
-Pubblicità-

ATLETICA – Braccia alzate davanti al traguardo  per l’etiope Yasin Haji Hayato che ha vinto la 28esima edizione del Memorial ‘Peppe Greco” in  30’ 07”, davanti ai due keniani: Paul Kariuki e Elvis Kipkoech.  Il record  storico della gara è detenuto ancora da Haile Gebrselassie, che  nel 1997 ha completato il percorso in 28 minuti e 22 secondi. Prima della gara i 23 atleti partecipanti hanno indossato una maglietta in cui era scritto:”Scicli città solidale, no al razzismo”. L’iniziativa è stata sostenuta da Giap e Video Regione del gruppo Minardo. Ci sono state due defezioni all’ultimo momento.  Nella start list sono stati cancellati i nomi dell’italiano Marco Salami e del keniano Ediwin Soi

E’ stata una gara molto equilibrata, in cui nessuno fino al penultimo giro ha voluto assumere l’iniziativa per staccare il gruppo molto compatto. Nei primi giri hanno fatto da battistrada Josh Kipruto e Jonathan Kosgei. Primo tra gli italiani ed i siciliani Giuseppe Gerratana, vincitore del premio “Santo Vanasia”. L’atleta modicano è arrivato ottavo, la sua prestazione è stata applaudita dal pubblico sistemato lungo il chilometro del tracciato compiuto 10 volte. Autore di una bella prestazione il keniano Jonathan Kosgei sempre davanti al gruppo, fino al nono giro. Giro simbolico per Lorenzo Cannata e Antonio Liuzzo che si sono fermati al primo chilometro.

Da sinistra: il sindaco Enzo Giannone, il vincitore Yasin Haji Hayato, Elvis Kipkoech, sen.Venerina Padua

Stanco ma contento Gianni Voi, organizzatore delle 28esima edizione del “Peppe Greco”. “Anche stavolta siano riusciti- ha detto Voi- a portare in porto questa edizione nonostante mille difficoltà economiche. Stasera ha vinto la città con il suo barocco e le sue bellezze paesaggistiche”  Gianni Voi, con la sua polo rossa, che indossa dalla prima edizione,  pensa già al prossimo anno.