Scicli applaude alla V^ edizione di Rubino e attende già l’edizione 2018

All'interno i momenti salienti della 'tre giorni' appena conclusasi

740
-Pubblicità-

SCICLI – Scicli saluta la quinta edizione di Rubino con una calorosa atmosfera di festa. Una grande risposta del pubblico che conferma il successo di Rubino. Una manifestazione ideale per chi vuole apprezzare le tante eccellenze enogastronomiche e le bellezze del territorio.
Tra le novità di questa edizione l’apertura al pubblico del Convento del Carmine, organizzata dall’associazione SEM-Spazi Espressivi Monumentali. E’ stato lo storico d’arte Paolo Nifosì ad accompagnare i tanti presenti all’inaugurazione di venerdì pomeriggio alla scoperta dello storico edificio. Il chiostro ha ospitato inoltre la bellissima un’installazione realizzata con 30.000 fiori che il duo artistico Vinci/Gallesi ha regalato alla città e ai visitatori. Assolute protagoniste le tante cantine che quest’anno hanno voluto essere presenti con i loro migliori vini. Anche in questa edizione è stato assegnato il premio del pubblico, durante la degustazione “Blind Tasting”, al Grillo di Tenuta La Favola e al Nakrì di Cantina Mortilla. Ruolo determinate anche per il food, con la novità dell’AperiChef ospitato dal ristorante Al Galù dello chef Luca Giannone in collaborazione con gli chef locali. Rubino 2017 è stato anche approfondimento e informazione grazie a collaborazioni importanti come quella della condotta di Slow Food di Ragusa che ha concesso il patrocinio all’intero evento e ha preso parte all’interessante talk “Mangiare sano”. Inoltre l’interessante dibattito “Coltivare/Cultura”, condotto dall’incubatore culturale di Ragusa “Bassi Comunicanti” ha acceso i riflettori sull’agricoltura, sull’innovazione, sulla cultura e sul turismo, sul territorio ibleo. A completare l’evento, la scoperta del territorio e delle sue bellezze, grazie alle passeggiate organizzate da Tanit Scicli e Triskele, e la musica che ha riscaldato le serate, tra un bicchiere di vino ed un assaggio.