Tutti in fila per “Passo Salina”, Marialucia Lorefice difende a spada tratta Sampieri

"Una discarica in quel posto non ha motivo di esistere"

1314
-Pubblicità-

SCICLI –  E’ la volta del parlamentare nazionale Marialucia Lorefice schierarsi in difesa di contrada “Passo Salina” nella quale si ipotizza, da alcune settimane, la nascita di una discarica. Lei difende a spada tratta quella porzione del territorio di Sampieri. Sampieri, Passo Salina, non sono certo delle aree del territorio ibleo da adibire a discarica –afferma la parlamentare Marialucia Lorefice, membro della XII Commissione Affari Sociali-, ancora più improponibile è l’idea di riversarvi anche rifiuti pericolosi. Il territorio deve essere preservato, in particolare le zone della provincia iblea conosciute per il loro fascino che adesso saltano alla ribalta per le discariche mettendo a rischio l’economia di tutto il territorio”.
La posizione che esprime Lorefice è chiara ed è un ‘no’ deciso al depauperamento del  territorio. “Si parla tanto di sostenibilità ambientale e, poi, è sempre la stessa storia. Non si sa dove piazzare i rifiuti e si gioca a rimpiattino su chi se li deve prendere senza procedere con progetti e scelte mirati. Non si capisce neppure aggiunge il parlamentare- perché le scelte ricadano sempre sulle stesse aree territoriali. Invece di sostenere le attività turistiche e agricole della zona si punta alla sua distruzione ambientale”. A sostenere il pensiero di Marialucia Lorefice la consigliera comunale Concetta Morana.”La paventata nascita di una nuova discarica sul territorio sciclitano –sottolinea la consigliera comunale del M5S Scicli, Concetta Morana- già martoriato da una passata gestione fallimentare dei rifiuti, non è proponibile e tantomeno fattibile. La strada da seguire è ben altra ed è inconcepibile, ad oggi, ritenere come unica soluzione al problema dei rifiuti la nascita di nuove discariche. La nostra posizione è, quindi, fermamente contro ogni forma di discarica per una gestione più ecocompatibile dei rifiuti non più considerati come problema ma come risorsa“.