Sanità, Venerina Padua: “Ritardo ingiustificato per l’attivazione della Neuroriabilitazione al Busacca”

La senatrice del PD si rivolge ai vertici dell'Asp 7

346
-Pubblicità-

SCICLI – La senatrice del PD Venerina Padua si rivolge ai vertici della sanità iblea per chiedere spiegazioni sui ritardi per l’apertura del nuovo ospedale  di contrada “Cisternazzi” a Ragusa e sull’attivazione della Neuroriabilitazione all’ospedale Busacca di Scicli in seguito all’accordo sottoscritto, oramai tempo addietro, con l’Irccs Bonino Pulejo di Messina. “È con estremo dispiacere –afferma la senatrice Padua-che mi trovo costretta a scrivere questa lettera aperta, perché speravo che agli inizi del 2018 vi sarebbe potuto essere un esito diverso. Ad ogni modo, mi duole constatare come la situazione generale della sanità nella provincia iblea non sia affatto soddisfacente, come sia il personale sanitario direttamente impegnato in loco sia gli utenti interessati mi riferiscono sempre più frequentemente. Sono loro il metro di giudizio migliore rispetto al quale un buon servizio può definirsi tale e, per questa ragione, mi sembra quantomai opportuno farmi portavoce delle loro preoccupazioni”. Sul reparto di Neuroriabilitazione la senatrice scrive: “Quali motivi hanno impedito, finora, l’attivazione del servizio di neuroriabilitazione al Busacca? Cosa ha determinato questa inerzia nell’agire dell’amministrazione, interrotta da frequenti quantomai poco opportuni proclami d’esser in prossimità del risultato da raggiungere? Quali sono stati i crocevia determinanti che hanno condotto alla situazione attuale? Ho lavorato per lungo tempo sottotraccia, insieme agli organi che sono competenti sulle questioni suddette, nella speranza che alle promesse seguissero poi fatti concreti. Mi trovo oggi, invece, a dover rivedere la valenza concreta di quelle parole ed a denunciare politicamente un agire che, alla prova dei fatti, si è rilevato privo di consistenza e rigonfio di promesse non mantenute”.