L’Agriblu Scicli espugna il Palasparti di Lamezia Terme

Altra prova convincente per gli sciclitani contro l’Atletico Lamezia

240
-Pubblicità-

PALLAMANO – Continua a ‘macinare’ punti l’Agriblu Scicli che con sofferenza, cuore e determinazione riesce a imporsi contro l’Atletico Lamezia. Una gara alla vigilia difficile viste le tante assenze tra le fila dei ‘leoni’, arrivati a Lamezia Terme solamente con otto giocatori. Mister Accardo per far fronte all’emergenza si affida alla linea verde dell’Agriblu Scicli, chiamando in causa: il classe 2004 Iurato, l’under 21 Mazzola e ai due Causarano rispettivamente classe 2002 e ’99, tutti autori di una splendida prestazione. A partire forte è l’Atletico Lamezia che passa in vantaggio con il suo capitano Gerace riuscendo ad approfittare di una sbavatura difensiva sciclitana. Segue una partita abbastanza statica con le squadre attente in fase difensiva ma poco lucide nelle loro azioni d’attacco. A ristabilire l’equilibrio è Giunta che, su azione di contropiede, riporta l’Agriblu Scicli in parità. La rete di Giunta sembra aver risvegliato lo Scicli che, grazie anche alle reti di Magnifico, si porta in vantaggio (1-4). L’Atletico Lamezia non molla: prima accorcia le distanze (3-6) per poi approfittare dei consecutivi quattro minuti di sospensione ai danni dello Scicli, riuscendo a ribaltare il risultato (7-6). I padroni di casa riescono a gestire il momentaneo vantaggio chiudendo la prima frazione sull’ 8-7. Nella ripresa riesce a riportarsi in parità un’Agriblu Scicli che subisce nuovamente l’iniziativa avversaria andando sotto col punteggio (11-10). Lo Scicli perde per infortunio Giunta ma ci pensa Parisi a ristabilire la parità (11-11). L’Atletico Lamezia si porta nuovamente in vantaggio (13-11). Ma la partita si complica per gli sciclitani costretti a rinunciare, per infortunio, anche a Mazzola lasciando la squadra in inferiorità numerica. Sotto di un uomo l’Agriblu Scicli non si scoraggia, anzi pareggia per poi ribaltare il risultato grazie alle reti di uno stoico Mazzola che stringe i denti e rientra in campo, e di Magnifico (14-16).