Una Ztl meno ‘rigida’ in via Aleardi e al quartiere Fontana

E’ quanto hanno chiesto ieri sera dai residenti della zona in Consiglio comunale

389
-Pubblicità-

SCICLI – I residenti di via Aleardi e quartiere Fontana, nel cuore della città, chiedono una Ztl meno ‘rigida’. Nessuna battaglia contro la zona a traffico limitato, istituita meno di un anno fa, che ha portato dei benefici in quella parte del centro storico. Il gruppo di residenti ieri sera nella seduta aperta del Consiglio comunale ha chiesto di rivedere l’ordinanza emanata meno di un anno fa. Sugli scranni dell’amministrazione c’erano il vice sindaco Caterina Riccotti e l’assessore Lino Carpimo che hanno ascoltato le istanze provenienti dai palchetti e dai banchi della minoranza. La seduta consiliare era stata chiesta dai sei consiglieri della minoranza. Noi abbiamo sempre detto sì alla Ztldichiarano alcuni residenti in Via Aleardi-, non siamo contrari, chiediamo una zona a traffico limitato meno rigida con orario più ridotti, consentendo ai residenti di avere dei pass per il parcheggio dei propri mezzi L’opposizione presto presenterà una mozione di indirizzo che indicherà le cose da rivedere e da aggiungere nell’ordinanza. “Crediamo che quanto emerso ieri serasi legge in una nota dei comnsiglieri dell’opposizione- non possa che migliorare la visione che l’amministrazione ha in merito alla via, una via che è emerso all’unanimitàva preservata e valorizzata rispondendo però contemporaneamente alle esigenze legittime dei residenti”.
Il Consigliere comunale Guglielmo Scimonello, alla luce di quanto emerso in aula, in una nota scrive “che è auspicabile un intervento da parte dell’amministrazione comunale, al fine di regolamentare e rendere più vivibile la pedonalizzazione di Via Aleardi, che passi attraverso una soluzione equa e funzionale, tenendo conto che, non esiste a Scicli un Piano del Traffico adeguato a soddisfare tutta la cittadinanza per una mobilità che offra la possibilità a tutti di riavvicinarsi e godere del centro antico e dei nostri pregevoli monumenti”.