Inizia a Scicli la redazione del Paes

Il piano d’azione per l’energia sostenibile

267
-Pubblicità-

SCICLI – Nella giornata di ieri, con la sottoscrizione del disciplinare di incarico, è stato concluso l’iter di affidamento per la redazione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile – PAES. A darne notizia è l’assessore ai LL.PP. Arch. Viviana Pitrolo, sbloccando così la stesura di un importante e fondamentale atto per il controllo e la riduzione dei consumi energetici sul territorio comunale, ormai arenato da anni. L’adozione del Piano avrà come obiettivi, entro il 2020, la riduzione delle emissioni di CO2 del 20% aumentando nel contempo del 20% il livello di efficienza energetica e, sempre del 20%, la quota di utilizzo delle fonti di energia rinnovabile sul totale del mix energetico.
Con la sottoscrizione del disciplinare di incarico la R.T.I. aggiudicataria della gara di redazione del Piano, si impegna alla:

-predisposizione dell’inventario base delle emissioni di C02 (baseline);
-redazione e adozione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES);
-predisposizione di un sistema di monitoraggio degli obiettivi e delle azioni previste dal PAES;
-inserimento delle informazioni prodotte all’interno di una apposita banca dati predisposta dalla Regione Siciliana;
-rafforzamento delle competenze energetiche all’interno dell’Amministrazione Comunale;
-sensibilizzazione della cittadinanza sul processo in corso.

Tali attività dovranno essere espletate coerentemente alle Linee Guida elaborate dal JRC (Joint Research Center), organo tecnico della Commissione Europea, utilizzando le indicazioni e gli strumenti operativi definiti dalla Regione Sicilia. In particolare il PAES dovrà essere in linea con gli obiettivi di riduzione dei consumi di energia primaria (TEP) assegnati dalla Regione Siciliana nell’ambito del perseguimento dell’obiettivo regionale di burden sharing (Decreto MISE 15/3/2012 ). Entro il termine contrattuale di 80 gg, la R.T.I. dovrà consegnare il Piano al Responsabile del Procedimento, che provvederà alla trasmissione dello strumento, per l’approvazione finale, al Consiglio Comunale, al JRC, alla Regione Siciliana, confermando così l’adesione al “Patto dei Sindaci” finalizzato alla riduzione delle emissioni dei gas serra, attraverso politiche locali che migliorino l’efficienza energetica, aumentando il ricorso alle fonti energetiche rinnovabili ed all’uso razionale dell’energia.