E’ polemica sulla piattaforma rifiuti di contrada Cuturi

Dipasquale: “Hanno deciso di non invitarmi, grave sgarbo istituzionale”. Intervento del Sindaco di Scicli

521
-Pubblicità-
SCICLI – Smaltimento rifiuti nella piattaforma di contrada Cuturi, è polemica. A sollevarla è il deputato regionale del PD Nello Dipasquale. 
Apprendo dalla stampadice Dipasquale- che l’incontro da me sollecitato appena per discutere dell’ampliamento della piattaforma di trattamento di rifiuti pericolosi e non in c.da Cuturi a Scicli, è avvenuto proprio l’altro ieri, all’insaputa del sottoscritto e cioè di chi quell’incontro lo aveva più volte richiesto. Un’azione di sgarbo istituzionale senza precedenti. Dopo aver insistito perché l’incontro si tenesse e dopo averlo sollecitato tramite diversi canali – aggiunge Dipasquale – alla fine non sono stato invitato, così come, allo stesso modo, è stato ignorato il Comitato cittadino da me coinvolto sin dall’inizio di questa vicenda. Si tratta di una deliberata offesa ai normali rapporti istituzionali che di norma vengono tenuti nei territorio oltre che un vero e proprio torto nei miei confronti se si considera che la mia assenza è stata spiegata con un inesistenti impegno. Una falsità bella e buona, una calunnia! Appare chiaro – continua Dipasquale – il maldestro tentativo del presidente della Regione Siciliana di estromettere d’imperio un parlamentare regionale e i cittadini da una questione delicatissima, che riguarda la salute pubblica e lo sviluppo di un intero territorio. Un atto inqualificabile e senza precedenti nella storia della nostra Regione. Sin dall’inizio sono stato al fianco dei cittadini in questa protesta giusta e legittima; non so se altri possono vantare la medesima solerzia. Io ho promosso più volte, in via ufficiale ed ufficiosa, questo incontro. Io ho presentato un’interrogazione parlamentare, che a breve verrà discussa. E il presidente Musumeci cosa decide di fare? Decide di ignora me e i cittadini. Non ci sono parole per definire un tale comportamento – conclude Dipasquale – ma non finisce qui. A Palermo ci saranno occasioni per discuterne!” .
Il sindaco di Scicli Enzo Giannone interviene sulla questione rifiuti.
L’incontroscrive in una nota il primo cittadino era stato richiesto formalmente dalla massima istituzione rappresentativa di una città, ovvero il Sindaco, sin dal mese di gennaioChe poi tale incontro fosse stato sollecitato anche da altri, ivi compresi deputati iblei, è un fatto che va assolutamente a merito di essiIl Sindaco di Scicli è stato invitato personalmente dal Presidente della Regione per telefono la scorsa settimana, concordando una data utile per entrambi”.
Giannone aggiunge:il Sindaco non era a conoscenza se il Presidente avesse ritenuto di invitare anche la deputazione iblea o parte di essa. All’incontro, in effetti, il Sindaco ha trovato presenti i deputati Giorgio Assenza,Orazio Ragusa e Stefania Campo. Poiché l’on. Di Pasquale ha postato sui social un video e affermato in un comunicato in cui sostiene che non ne sapeva nulla e che non c’è stato nessun contatto con il Sindaco, possiamo solo dire che il Sindaco, interpellato in maniera compulsiva proprio dall’On. Dipasquale, sin da sabato 10 marzo lo aveva personalmente messo a conoscenza dell’incontro. L’on. Dipasquale gli aveva detto che non poteva assicurare la sua presenza a Palermo in quanto già impegnato a Ragusa in altro impegno istituzionale alla Camera di Commercio sul tema delle infrastrutture. Fermo restando che il Sindaco di Scicli non ha certamente bisogno di avere come suo tutor l’on. Dipasquale – e peraltro non se ne capirebbe il perché neanche dal punto di vista politicorisponde comunque del tutto al vero che un raccordo tra il Sindaco di Scicli e l’On. Dipasquale c’è comunque stato su questa questione. Restiamo poi basiti per il fatto che, partendo dall’uscita francamente a dir poco infelice dell’on. Dipasquale, ovvero partendo dal nulla, si scateni un fuoco di fila di comunicati da parte di qualche ambiente cittadino di Scicli che, ergendosi a paladino della comunità, con grave mancanza di rispetto nei confronti delle istituzioni democratiche della città, accusa l’amministrazione comunale di essere divisiva mentre l’amministrazione comunale non ha fatto altro che rappresentare ai massimi livelli istituzionali regionali il tema della questione ambientale a Scicli, come atto dovuto e come impegno assunto nell’ultima assemblea cittadina tenutasi presso il teatro Italia, a cui peraltro non ci pare sia stato presente l’on. Dipasquale. Se poi a qualcuno, a dir il vero pochi e sempre gli stessi, tutto ciò dispiace, ne prendiamo atto. Purtroppo per loro in democrazia funziona così: ci si candida, si riceve il consenso e si governa. E tutti devono avere il massimo rispetto delle istituzioni, sempre. Altrimenti si diventa strumentali, finanche eversivi dell’ordine costituito e destabilizzanti degli assetti sociali e politici di una città che sta pian piano riprendendo le caratteristiche di una città normale, dopo lo scioglimento del consiglio comunale. O forse dobbiamo ritenere che questo percorso di ripresa democratica e di legalità a qualcuno dispiaccia? Magari perché si pensava di guidarlo in altra direzione e con altri soggetti? Potremmo continuare, ad esempio invitando a riflettere su chi aveva responsabilità di governo della città e ha anche fatto atti deliberativi nel momento in cui la vicenda dell’impianto di rifiuti pericolosi prese il via. Ma non serve; oggi serve ribadire con forza e coesione quella che è la posizione assolutamente contraria della comunità a tale impiantoA noi interessa -conclude il sindaco Giannone- affrontare e provare a risolvere i problemi, non sollevare o andare dietro a sterili polemiche, tantomeno seguire beghe politiche di livello regionale o locale che appartengono ad altri e che nulla hanno a che fare con la vita quotidiana di chi amministra una città e di chi da essi è amministrata”.