A Scicli la prima uscita pubblica del neo presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani

Venerdì alle ore 18, presso Mediterranean Hope

318
-Pubblicità-

SCICLI – Sarà a Scicli la prima uscita ufficiale del neo presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani, in occasione della presentazione del ‘Manuale autotutela ambientale del Cittadino’.
Sarà un momento particolarmente importantedichiara la presidente del Circolo Legambiente di Scicli ‘Kiafura’ Alessia Gambuzzapoichè, oltre a ricevere preziose informazioni direttamente dall’autore del volume, il magistrato Luca Ramacci. Il Circolo Legambiente Kiafura –contina Gambuzzaè onorato di ospitare ancora a Scicli Stefano Ciafani, oggi neo Presidente nazionale, che inizierà proprio dalla nostra città il suo percorso alla guida dell’Associazione, con l’evento pubblico di Scicli”.

Nella foto il neo presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani

“Spiegare in modo divulgativo la normativa ambientale con un manuale agile e di facile lettura, dare ai cittadini tutti gli strumenti di base per difendersi dall’ inquinatore di turno, illustrare i dettagli della rivoluzione di legalità inaugurata con l’approvazione della legge 68/2015 sugli ecoreati, grazie alla quale i principali reati ambientali sono finalmente entrati nel Codice penale: sono questi gli obiettivi di questa nuova pubblicazione di Legambiente, pensata per chi ancora oggi subisce le angherie di chi inquina l’ambiente in cui viviamo”. Cosi Stefano Ciafani in merito all’evento di venerdi 23 marzo previsto a ScicliL’autore del Manuale è davvero d’eccezione. Luca Ramacci, autorevole magistrato di fama nazionale per il suo passato da Sostituto procuratore e il suo presente da Consigliere della Corte di Cassazione, è uno dei massimi esperti di legislazione ambientale del nostro Paese. Da sempre impegnato nella tutela dell’ambiente, ha collaborato nel passato in varie forme con Legambiente, con grande onore da parte di tutti noi. Ha coordinato indagini importanti, come quella per certi versi clamorosa nel 1998 che portò alla chiusura dello scarico Sm15 dell’area industriale di Porto Marghera a Venezia, come quelle contro diverse organizzazioni criminali dedite a trafficare illecitamente rifiuti, o quelle contro gli abusi edilizi e gli ecomostri. È stato relatore di diverse sentenze di Cassazione sulla nuova legge sugli ecoreati che hanno cominciato a interpretare al meglio alcuni suoi passaggi oggetto di critiche, in alcuni casi ingenerose, in altri pretestuose.

Alessia Gambuzza
Presidente Circolo Legambiente Scicli “Kiafura”