Scicli, “Se butti male finisce in mare!”: il progetto educativo di Legambiente e Corepla in diretta sui Rai 3

Venerdì prossimo a Sampieri

575
-Pubblicità-

SCICLI – “Se butti male…finisce in mare!”. Il nome del progetto educativo, promosso da Legambiente e Corepla, rivolto ai più giovani con l’obiettivo di prevenire dei rifiuti in mare e in spiaggia. Ed è proprio sull’arenile sampierese che avrà luogo l’evento, a cui prenderà parte la scuola “Elio Vittorini” di Scicli che parteciperà con gli alunni dei plessi di Sampieri, Cava d’Aliga e Donnalucata coinvolte dal circolo Legambiente Kiafura di Scicli. Sono in costante aumento i rifiuti, di vario genere, forma e dimensione, che si trovano sempre più spesso sulle spiagge e in mare. “Un fenomeno che minaccia l’intero ecosistema marino e la sua biodiversità commenta la presidente del circolo Legambiente Kafura di Scicli, Alessia Gambuzza. Eppure ogni persona può contribuire alla riduzione di questo fenomeno –continua Gambuzza- attraverso un comportamento più virtuoso e rispettoso dell’ambente,  a partire dalla riflessione sui nostri gesti quotidiani e una crescente e attenta raccolta differenziata”. Per l’occasione sarà presente a Sampieri, oltre al Presidente Legambiente Stefano Ciafani, anche  il Presidente Corepla (Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica) Antonello Ciotti.
“Il problema dei rifiuti a mare –precisa il
Presidente Legambiente Stefano Ciafani  è la seconda emergenza globale dopo i cambiamenti climatici. Per risolvere questo problema –prosegue Ciafani- è fondamentale fare un’alleanza trasversale con tutti gli attori in gioco, a partire dal mondo delle imprese dell’economia circolare per riciclare i rifiuti che finiscono abbandonati nell’ambiente. È fondamentale anche fare tanta informazione e sensibilizzazione dei cittadini, a partire dagli studenti. È per questo –sottolinea Stefano Ciafani- che con Corepla abbiamo lanciato questo progetto nella Sicilia dell’emergenza rifiuti, bellissima regione al centro del Mediterraneo,  una delle sei aree più coinvolte dal problema del marine litter secondo l’Onu. Grazie alla diretta tv su Rai 3 -conclude Ciafani- da una delle spiagge di Scicli affronteremo anche il tema della cura del nostro patrimonio culturale, maltrattato come il mare nostrum, denunciando a livello nazionale l’abbandono della bellissima Fornace Penna al centro dell’iniziativa, a cui Legambiente non si rassegna”. A Scicli “Se butti male….Finisce in mare”, si coniuga con la campagna “Salvalarte Sicilia”. Il tema dei rifiuti spiaggiati e la tutela della ex Fornace Penna di Sampieri saranno il tema della puntata di “FuoriTG”, in diretta su Rai 3 a partire dalle 12.25.