Scicli, i consiglieri di maggioranza: “A proposito di ospedale…”

Documento congiunto di Start Scicli, Cittadini per Scicli e Città Aperta

600
-Pubblicità-

SCICLI – Vogliamo ringraziare i cittadini volontari e le associazioni per la mobilitazione nei confronti del Busacca, ma prima di tutto ringraziamo il consigliere Bruno Mirabella, che in qualche modo ha messo in ridicolo l’opposizione consiliare per il post apparso sui social il 9 maggio 2018, in cui non solo si riportano le foto/denuncia del Consigliere comunale Bruno Mirabella, ma ovviamente si attacca, ma questo non fa più notizia, senza alcun motivo l’amministrazione con in testa il Sindaco, rea di non aver difeso, o meglio di aver abbandonato la battaglia a difesa dell’ex ospedale di Scicli. Bene, premesso tutto ciò, nella vita bisogna essere coerenti, ma soprattutto, occorre fare molta attenzione. Dalla foto e dal post/comunicato riguardante un post di circa due mesi fa dell’on. Ragusa, che insieme ai suoi 2 consiglieri comunali di opposizione incontra i vertici dell’ASP si evince grande soddisfazione, per tutto quello fatto, per i risultati raggiunti, e per quanto a breve sarà fatto. Nulla di tutto questo, solo parole, anzi proclami, per questo ci chiediamo, come mai non convocate il rappresentante regionale che aveva facilitato l’incontro e che si è anche complimentato con i vertici dell’ASP per avere i giusti chiarimenti sull’attuale situazione? Perché nel mese di ottobre 2017 nessuno si è presentato all’invito fatto dal Sindaco per effettuare il sopralluogo nei locali del pronto soccorso, e per dimostrare l’unità del consiglio comunale sulla vicenda?
Per questo siamo convinti che si tratta di un atteggiamento politico non coerente, ma allo stesso tempo volto semplicemente a screditare l’azione del sindaco, della giunta nel suo complesso e per ultimo dell’intero consiglio comunale! Perché non si denuncia l’incapacità manageriale dei vari responsabili dell’ASP, dalle singole unità fino ad arrivare ai massimi livelli, come ad esempio il direttore sanitario degli Ospedali Riuniti di Modica e Scicli? Perché il declassamento continuo di una struttura ospedaliera deve passare come il risultato positivo da inserire per il raggiungimento degli obiettivi di mandato del manager? Perché non si chiede più rispetto per il territorio di Scicli? Perché non si chiede un cambio di rotta sulla gestione operativa degli ospedali riuniti di Modica e Scicli?
Perché non si denuncia un disegno già pronto, che ha visto la nostra città, nel corso degli anni depredata dei vari reparti, in nome delle norme nazionali sul razionamento delle risorse sulla sanità, ed oggi, dopo un po’ di fumo negli occhi sulla possibilità di puntare sulla lungodegenza e sul Bonino Pulejo anche di questo? Anzi, proprio sul Bonino Pulejo è giusto dire che si continuano ad aprire succursali in tutta la Sicilia. E i cittadini?
Vengono sballottati in giro per la provincia in cerca di reparti e debbono subire file interminabili anche per dei semplici prelievi. Tutto questo a causa di una politica che a livello regionale si è dimostrata incapace di farsi portavoce di un territorio, che ha chiuso gli occhi nell’ultimo decennio, ma per l’opposizione è facile analizzare il problema e individuare la causa: l’amministrazione comunale.

I Consiglieri di maggioranza
Città Aperta
Cittadini per Scicli
StartScicli