Atletico Scicli e Per Scicli provano a unire le forze, l’ipotesi di fusione fallisce ancora

Il Per Scicli diffonde un comunicato stampa in cui puntualizza di essere favorevole al "matrimonio"

630
-Pubblicità-

SCICLI – Quale futuro per le due squadre di calcio locali: Per Scicli e Atletico Scicli? Entrambe, la prossima stagione, disputeranno il campionato di Prima Categoria. Le società stanno già programmando la prossima stagione agonistica con ambizioni velleitarie. Entrambi i massimi responsabili stanno lavorado per allestire organici competitivi. Il presidente dell’Atletico Scicli Peppe Arrabito, addirittura, sta lavorando ad un ambizioso progetto che scatterebbe in caso di ripescaggio nel campionato di Promozione, perso sul campo nella finalissima Play off ol New Pozzallo. Anche in questo finale di stagione si è parlato, per l’ennesima volta, di fusione tra le due società per costruire una squadra in grado di disputare egregiamente campionati di livello superiore all’attuale. Una sola squadra, con un nome, che identifichi tutta la città sarebbe l’ideale. Ciò senza trascurare il vivaio. In città si è parlato della possibilità di unire i due sodalizi ma senza risultati concreti. Stamattina la dirigenza del Per Scicli ha diramato un comunicato stampa in cui scrive di non essere contraria a qualsiasi idea di fusione delle due squadre nell’esclusivo interesse degli sportivi. “In seguito ad alcune infondate dicerie sulla presunta idea di fusione tra le due squadre di calcio a Scicli, che individuano nel Per Scicli l’artefice della mancata fusione appunto- riporta il comunicato-, la  società si sente in dovere di precisare in che modo siano avvenuti i pochi passaggi di questo ennesimo tentativo di avere un’unica squadra di calcio a Scicli. Questi, in breve, i fatti.
Pochi giorni dopo la finale play-off persa dall’Atletico Scicli, da una telefonata intercorsa tra i due rispettivi DS, è nata l’idea di provare ad intraprendere un’unica strada con l’obiettivo di iscrivere una sola squadra al campionato di Promozione; l’idea ha subito riscontrato il favore di entrambi i direttori, i quali, hanno terminato la telefonata con l’impegno di sottoporre ai rispettivi presidenti l’ambizioso progetto. Questo il responso:
Maurizio Manenti, patron del Per Scicli, ha dato la propria disponibilità ad una eventuale fusione, rinunciando, anche, ad iscrivere la propria squadra al campionato di 1^ Categoria nell’interesse di un nuovo e più entusiasmante progetto calcistico cittadino. Dall’altra parte, invece, la risposta pervenuta e comunicata dal DS dall’Atletico, ha visto una totale chiusura da parte del presidente Arrabito che ha ritenuto “inutile” una fusione, sicuro del fatto che da solo e con le proprie risorse (umane), sarebbe in grado di affrontare un eventuale campionato di Promozione (dietro domanda di ripescaggio).
Si vuole inoltre precisare che la società Per Scicli non ha fatto alcuna forzatura sull’argomento, ma ha preso atto di quella che è stata la perentoria chiusura da parte della società Atletico Scicli e del suo presidente Arrabito.
Sia, dunque, ben chiaro che solo ed unicamente a causa del presidente Arrabito dall’Atletico Scicli, non è stato possibile portare avanti il progetto di fusione.
La società Per Scicli – conclude il comunicato-iscriverà regolarmente la squadra al campionato di 1^ Categoria, con l’obiettivo di conquistare la Promozione sul campo e non attraverso scorciatoie. Anche i vari settori giovanili saranno regolarmente operativi cosi come lo sono stati ininterrottamente da 18 anni”.