Un giornalista è stato aggredito: le Istituzioni rompano il silenzio

Nota stampa di SI e SBC

998
-Pubblicità-

SCICLI – Sono ormai trascorsi giorni dall’aggressione subita da un Giornalista residente nella nostra città. Per lunghe ore la serenità della sua famiglia è stata violentemente intaccata, un quartiere è stato messo in subbuglio, con forme che non possono appartenere al consesso civile e legale di una comunità. Nessun comunicato, nessuna presa di posizione è stata presa sino ad ora dalle autorità cittadine, nessuna spiegazione dei fatti alla città. Gli eventuali “accertamenti in corso”, ammesso che ve ne siano, non eliminano la necessità di manifestare piena solidarietà ad un operatore dell’informazione che, come Riccotti, non è fra quelli che aspettano il passaggio di qualche velina per operare il suo mestiere. Un Giornalista recentemente premiato a livello nazionale per la qualità del suo lavoro e, siamo ora costretti ad osservare, senza che alcuna nota di apprezzamento sia pervenuta dal Municipio. L’Ordine dei Giornalisti, nelle sue articolazioni territoriali, le Associazioni, i Movimenti, i Partiti, semplici cittadini e rappresentanti istituzionali si sono premurati di esprimere la loro solidarietà alla persona e al ruolo rappresentato nella comunità. Manca ancora l’espressione delle Istituzioni cittadine, tranne che non debba essere cercata proprio nel perdurante silenzio.

Sinistra Italiana Scicli – Scicli Bene Comune