“I moderati della città scendano in campo, lanciamo la Rivoluzione del Buonsenso”

Appello di FIGS

862
-Pubblicità-

SCICLI – Il 2018 sciclitano, da un punto di vista politico, resterà impresso come l’anno del prepotente ritorno di Forza Italia a Scicli, nonché di una vera ed organizzata opposizione in città. Questo ritorno, rafforzato dai favorevoli risultati elettorali del Movimento sia alle Regionali che alle Politiche, ha rappresentato e rappresenta un porto sicuro per quella fascia di elettorato, storicamente maggioritario, che amiamo definire “moderato, popolare e liberale”, ovvero la maggioranza del buonsenso.  Certamente, sarebbe sciocco affermare il contrario, l’area moderata è in una fase, a livello nazionale, di stallo; ciò è molto meno evidente al Centro-Sud, dato che Fi mantiene, con numeri sempre più elevati, la guida della coalizione di Centrodestra. La politica, lo diciamo da neofiti del settore, vive di fasi, talvolta, come questa, segnate da partiti che fanno dell`incompetenza, dei facili proclami e dell’isolamento internazionale i propri, come si nota, fallimentari cavalli di battaglia. Tutto ciò è da attribuire a fenomeni complessi, come l’immigrazione, nonché all’incapacità dei Governi di Sinistra di fronteggiare la crisi socio-economica. Tornando a Scicli, noi di Forza Italia Giovani, con la nostra discesa in campo, abbiamo, lo diciamo con un certo orgoglio e senza presunzione, conferito una brusca sterzata alla stantia politica sciclitana, iniettando quel necessario mix di passione (ideologica), senso di responsabilità e, perché no, ingenuità che, in una politica locale dominata da personalismi e doppiogiochismi, non può che fare bene. Abbiamo ricevuto complimenti, sia da politici navigati che, aspetto altrettanto gratificante, dai cittadini, soprattutto coetanei, ed anche, com’è giusto che sia, delle (poche) critiche. La dialettica democratica è anche questa. Ebbene, reputiamo necessario dare un’ulteriore sterzata a questa, lo ribadiamo, stantia politica sciclitana. Come? Con un rinnovamento e consolidamento, in linea anche con quanto indicato a livello nazionale dal Presidente Berlusconi, del progetto moderato e liberale cittadino, che abbia al centro Forza Italia, in primis noi Giovani forzisti, e che possa inglobare chiunque tenga, nel solco dei principi del Centrodestra, a Scicli, alle Borgate ed alla Patria. Noi, nei limiti di un Movimento Giovanile, mettiamo a disposizione della Città, in linea con gli ultimi mesi, la nostra passione, sorretta da un idealismo che fa dei valori popolari, cristiani e liberali le proprie armi migliori. Il nostro, sia chiaro, è un invito a scendere in campo, una vera e propria “chiamata alle armi”, verso quei cittadini che pagano le tasse, che producono, che vogliono vivere in piena sicurezza e libertà, ovvero i moderati. La politica che noi giovani berlusconiani abbiamo in mente non guarda alle scadenze elettorali, ma al futuro della Città e delle Borgate. Una politica che, concedeteci il termine, “se ne freghi” delle simpatie ed antipatie personali, delle preferenze o dei giochi di Palazzo. La gente non vuole questo; la gente vuole risultati. Questi risultati non possono che passare da un’offerta politica seria, forte di uomini e donne, ragazzi e ragazze, che si riconoscono, davvero e fortemente, in Forza Italia e nel centrodestra. Un Centrodestra che è nato ed è vincente, da venticinque anni, grazie a colui che ha saputo riunire moderati, conservatori e liberali, ovvero lo Statista e Presidente Silvio Berlusconi. Forza Italia non è solo un partito, è una missione di Libertà. Noi, nel nostro piccolo, amiamo chiamare questa missione la “Rivoluzione del Buonsenso”.

Coordinamento Forza Italia Giovani Scicli