Porticciolo di Donnalucata: avviata la progettazione per la messa in sicurezza

Ad annunciarlo il Genio civile opere marittime

312
-Pubblicità-

SCICLI – Importante passo in avanti nell’iter inerente la messa in sicurezza del porticciolo donnalucatese. A darne comunicazione l’on Orazio Ragusa quest’ultimo informato dal dirigente del Genio civile opere marittime di Palermo, l’ing. Giuseppe Scorsone, dell’avvio del percorso di progettazione per la messa in sicurezza dello scalo di alaggio di Donnalucata.

Sarà dato il via –informa il deputato regionale Ragusa– al percorso di progettazione concernente proprio la messa in sicurezza del porto alla luce del fatto che tutta la documentazione è nella disponibilità del Genio civile e c’è quindi adesso l’opportunità di avviare in maniera concreta l’iter rispettando i canoni di legalità imposti dalla normativa vigente dopo i pareri forniti dai vari uffici”. L’on. Orazio Ragusa aggiunge: “Per concordare ancora meglio le attività che si rendono necessarie, anche dopo l’avvio della fase di progettazione –continua l’on. Ragusa– è stato convocato per il 30 ottobre un incontro presso la sede della Protezione civile a Palermo con i rappresentanti della stessa Protezione civile, del Genio civile opere marittime, del Comune di Scicli oltre che con tutti gli altri attori interessati alla progettazione”. Un incontro organizzato “allo scopo di verificare e condividere –aggiunge l’on. Ragusa- il percorso portato avanti sino a quel momento”. Un percorso lungo e articolato al quale l’on. Orazio Ragusa guarda con fiducia in quanto “attraverso la politica dei piccoli passi, si sta cercando di portarlo a compimento. E’ da tempo, ormai, –prosegue Ragusa- che la marineria locale e i diportisti attendono che l’infrastruttura possa essere messa in sicurezza. Dopo alterne vicende, -chiude l’intervento Orazio Ragusa- sembra che, finalmente, il percorso avviato già da qualche mese sia quello giusto. Naturalmente continueremo a vigilare affinché tutti questi passi possano essere compiuti nella maniera più corretta e tempestiva possibile”.