Scicli: ‘Beni storici, artistici e ambientali tra recupero e innovazione’

Al ‘Q. Cataudella’ avvio progetto PON-FSE

226
-Pubblicità-

SCICLI – Si comunica che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha autorizzato l’espletamento del progetto “Beni storici, artistici e ambientali tra recupero e innovazione”, codice 10.2.5A-FSEPON-SI- 2018-373, elaborato dall’Istituto d’Istruzione Superiore “Q. Cataudella” di Scicli (Rg), rientrante nel P.O.N. (Programma Operativo Nazionale) Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020. Si tratta dei seguenti moduli autorizzati e finanziati con Euro 22.057,50, destinati agli alunni dell’Istituto:

“Digitalizzazione dei beni artistico architettonici del territorio”: 30 ore

“Il Mediterraneo dell’ulivo e del carrubo : storie di lavoro, migranti e dominazioni”: 30 ore

“Promozione turistica del territorio”:30 ore
“Welcome to Scicli: costruzione di una guida turistica”: 30 ore

I moduli autorizzati nel progetto prevedono azioni dirette alla conoscenza da parte degli alunni del proprio patrimonio artistico, ambientale e paesaggistico, importante per formare una valida coscienza civile rispetto alla propria ricchezza culturale e paesaggistica. Conoscere la storia del proprio territorio fa sentire gli alunni partecipi della bellezza che li circonda e consapevoli del bene che possiedono. Tutti i moduli inseriti nel progetto mirano a raggiungere priorità e traguardi del Rapporto di Autovalutazione (RAV) sulla base delle quali è stato sviluppato il Piano di Miglioramento (PdM) e il Piano Triennale dell’Offerta Formativa della scuola (PTOF). Le metodologie di insegnamento saranno adattate ai diversi moduli. Si cercherà di realizzare il coinvolgimento e la motivazione degli studenti attraverso vari modi: metodi induttivi, strategie partecipative, didattica laboratoriale, uso delle nuove tecnologie. Tutti i moduli prevedono innovazioni sia didattiche sia strumentali. Tutte le attività progettuali saranno accompagnate dall’utilizzo di sussidi didattici multimediali (lim, pc, tablet).