Raccolta differenziata rifiuti a Scicli, gli operatori commerciali protestano: “Troppe cose che non vanno!”

Intanto la locale sezione cittadina dell’Ascom chiede un incontro urgente al sindaco Giannone e all’assessore Carpino

883
-Pubblicità-

SCICLI – La problematica legata alla raccolta rifiuti in città si sta rivelando, senza ombra di dubbio, l’argomento più chiacchierato e discusso in questi giorni di Feste. A farsi portavoce delle proteste degli operatori commerciali locali è il presidente dell’Ascom di Scicli, Raffaele Giallongo.

Nella foto Raffaele Giallongo

Si continuano a registrare, ormai da giorni, –esordisce in una nota Giallongo- tutta una serie di problematiche inerenti la raccolta differenziata dei rifiuti presso le attività commerciali di Scicli”. Malumori e lamentele da parte degli associati della locale sezione cittadina dell’Ascom, riunitisi per cercare una più valida e celere soluzione al problema da loro denunciato. “A seguito della riunione –aggiunge Giallongo- abbiamo deciso di richiedere un incontro urgente al sindaco e all’assessore al ramo, Lino Carpino, al fine di consentire alle imprese commerciali di conferire nel modo migliore, evitando disguidi e sanzioni”. Situazione divenuta ormai insostenibile secondo l’Ascom di Scicli che “stigmatizza quanto sta accadendo da qualche tempo a questa parte con difficoltà reiterate che stanno determinando –chiude il presidente Raffaele Giallongo- limitazioni serie all’attività degli operatori commerciali tanto da suscitare le suddette proteste in numero consistente”.