Situazione rifiuti a Scicli, l’Amministrazione ancora nel mirino dei partiti di minoranza

Agli interventi del Pd e Fi si aggiunge la CNA che chiede maggiore chiarezza e informazioni circa la raccolta differenziata in città

255

SCICLI – Raccolta rifiuti a Scicli e nelle borgate; nonostante l’amministrazione comunale abbia deciso nelle ultime ore di implementare il servizio di videosorveglianza sui siti oggetto di discariche abusive, continua a rimanere nel mirino delle opposizioni. I partiti di minoranza, però, chiedono un cambio di passo nella gestione dell’immondizia e della sua raccolta. Pd e Forza Italia, vanno giù duro; non piace la decisione di conferire i rifiuti nella lontana Alcamo, proprio a seguito dell’emergenza scoppiata sotto le festività. Quelli del Pd, addirittura, chiedono l’immediato abbandono di un proposito che definiscono “una gestione solitaria”; piuttosto, vogliono il “confronto con l’intera città, per individuare le migliori soluzioni senza caricare i contribuenti di ulteriori tasse”. “Ormai– scrive in una nota il segretario del PD Omar Falla- è sotto gli occhi di tutti il degrado che caratterizza le campagne e persino il centro storico di Scicli a causa delle montagne di rifiuti abbandonati in ogni angolo nei giorni del Natale. Un caos che avrebbe meritato una gestione più responsabile e consapevole da parte dell’amministrazione comunale di Scicli. Abbiamo assistito (e continuiamo ad assistere) a una gestione spericolata e solitaria che ha condotto alla decisione di conferire i nostri rifiuti ad Alcamo (640 km e 8 ore di viaggio), con un aggravio di 40.000 euro nell’immediato e di 90.000 euro nel prossimi tre mesi. Una situazione di continua emergenza”. L’opposizione consiliare, con in testa Forza Italia, ha chiesto anche la convocazione di una seduta consiliare dedicata specificatamente alla questione rifiuti.

Nella foto il consigliere Enzo Giannone

Vogliamo che il problema -dice il consigliere di Fi Enzo Giannone- abbia una soluzione perché a soffrirne è la città. Speriamo in una soluzione condivisa“. Non sono solo le forze politiche di opposizione ‘insoddisfatte’ della gestione rifiuti a Scicli. Anche la CNA, ha chiesto correttivi, maggiore chiarezza e informazioni per ‘fare’ la differenziata.

Nella foto da sx: Giovanni Ruta (Presidente Cna Scicli) e Franco Spadaro (Responsabile Cna Scicli)

Le imprese artigianali, secondo CNA, fanno fatica a smaltire i rifiuti prodotti. In una nota Cna evidenzia che “il ritiro dei rifiuti per tutte le imprese artigianali e commerciali che producono alimenti, i ristoranti e i bar deve essere fatto, per motivi sanitari, ogni giorno. La ditta Puccia ha fornito la propria disponibilità e quindi nel contesto di tali attività la ditta effettuerà il ritiro dei rifiuti, umido e cartone in primis, tutti i giorni, festivi compresi, ma i rifiuti dovranno essere posti fuori dagli esercizi, per motivi igienici e di decoro urbano, e, in attesa di trovare soluzioni alternative, tra le sei e le otto del mattino utilizzando sacchi trasparenti. Abbiamo dato la nostra disponibilità a collaborare-conclude Cna- per l’organizzazione di momenti di informazione e formazione per le imprese che riteniamo necessari ed indifferibili”. L’assessore all’ecologia Lino Carpino assicura che la città dopo alcuni giorni di criticità è tornata pulita.

Nella foto l’assessore Lino Carpino

Qualche cumulo di spazzatura in alcuni quartiere è rimasto– dice Carpino-, quello che conta è che si va verso la normalità. Tutti devono collaborare le ‘bordate’ sull’amministrazione non servono a nulla. Noi continuiamo a chiedere la collaborazione dei cittadini”.