Continua a definirsi la struttura del Pd di Scicli

Segreteria cittadina per il neonato circolo coordinato da Omar Falla

382
-Pubblicità-

SCICLI – Cinque donne, cinque uomini e due posti sospesi in attesa di una loro prossima occupazione. La nomina della nuova segreteria del Pd di Scicli va a completare l’assetto strutturale del nuovo circolo cittadino, retto dal segretario Omar Falla e dai due vice-segretari Emiliano Inzirillo ed Enrico Falla. La nascente segreteria cittadina del Partito Democratico di Scicli si veste per metà anche di rosa con la nomina di cinque componenti donne: Viviana Carrubba, Florinda Falla, Paola Giannone, Lucia Nifosì Alessia Minauda. Le altre cinque persone presenti all’interno della nuova segreteria vanno ad individuarsi in: Marco Causarano, Enrico Falla, Omar Falla, Emiliano Inzirillo e Giuseppe Mariotta. All’interno della segreteria altri due posti rimangono ancora da riempire, sospesi. A tal riguardo ha preso parola il neo-segretario cittadino Omar Falla, eletto per acclamazione durante i lavori dell’assemblea degli iscritti lo scorso 23 dicembre. “Due posti non assegnati –afferma Omar Falla- che vogliono rappresentare un segnale di apertura rispetto alla società civile e ai compagni impegnati sotto varie sigle che si riconoscono nel grande progetto progressista, ampio e inclusivo, che vuole essere il nuovo Partito Democratico. La porta –continua Falla- è aperta per chi vuole mettere la faccia in un percorso di ricostruzione di un’ampia comunità politica. Non è tempo di timidezze e ritrosie, è piuttosto il momento dell’impegno. A Scicli come a livello nazionale. Ci tengo a sottolineare –conclude il segretario – che la nuova segreteria rappresenta una sfida collettiva, un mettere in campo saperi, professioni, sensibilità ed esperienze a disposizione della nostra città. La sfida di tanti per tornare a ragionare insieme, riconoscendo la dialettica politica, seppur talvolta aspra nei toni, come una ricchezza comune da valorizzare, non da stigmatizzare come un attacco anarchico ai governanti di turno”.