Scicli: revoca finanziamento per la Croce, prime reazioni in città

Orazio Ragusa: "Una grande occasione persa"

449
-Pubblicità-

SCICLI – Prime reazioni in città alla notizia che Scicli perde un importante finanziamento di 5 milioni di euro dalla Regione per restaurare e valorizzare il ‘Convento della Croce’, sulla sommità dell’omonima collina. La Regione, ha revocato il finanziamento che prevedeva anche l’adeguamento dell’impiantistica, la sistemazione dei percorsi ed aree esterne dell’antico immobile, perché a Palermo non sarebbe stata trasmessa, dalla Soprintendenza ai beni culturali di Ragusa, la documentazione riguardante la riclassificazione del Piano Assetto Idrogeologico che declassificava la collina Croce da R4 a R2 per la tipologia del rischio. Riclassificazione prevista nei compiti del Comune di Scicli.

Nella foto l’on. Orazio Ragusa

Il deputato regionale di Forza Italia Orazio Ragusa parla di “una grande occasione persa“.E’ un giorno triste per la città di Scicli. E non mi va neppure di fare polemiche. Dobbiamo solo prendere atto -dice Ragusa- di una pesante sconfitta come comunità. Abbiamo perso un consistente finanziamento di cinque milioni di euro dalla Regione per restaurare e valorizzare l’ex convento della Croce. L’ex convento, per noi sciclitani, rappresenta un bene culturale di assoluto valore. Avevamo cercato di fare il possibile, a Palermo, per drenare questi fondi verso un sito religioso che si compone di un convento, una chiesa, un oratorio e due cortili, mettendo in rilievo uno degli edifici più antichi di Scicli. E, però, la Regione, a distanza di anni e in assenza di adeguata documentazione da parte del Comune, ha revocato il finanziamento”. L’esponente di Forza Italia esprime “grande rammarico”. “Avevamo fatto sì che potessero essere destinati dei fondi consistenti per l’ex convento -conclude Ragusa- e non siamo stati in grado di spenderli. Una occasione speciale è andata in fumo. Ce ne saranno delle altre? Non lo sappiamo. Al momento possiamo solo recriminare per una revoca che taglia le gambe alle opportunità di rilancio di questo territorio. Scicli non merita tutto questo”.