Aspettando ‘U Gioia’, la città si prepara a vivere il giorno più atteso dell’anno

Domani dalle 12 diretta streaming su Facebook Sciclivideonotizie e sul sito sciclivideonotizie.it

761
-Pubblicità-

SCICLI – E’ la festa più attesa dell’anno, la Pasqua a Scicli vuol dire “Uomo Vivo”, “U Gioia”. Domani alle 13 in punto la statua del Cristo Risorto uscirà dal Santuario di Santa Maria La Nova per abbracciare un popolo in festa per lui. Questa è la festa più ricca di gioia e sentimenti che esista, anche se non tutto quello che avviene rientra nei canoni della Chiesa; all’esterno si nota soltanto folclore, ma dentro l’animo di ogni fedele che assiste alla festa c’è un grande sentimento di fede e gioia. Gioia, si, grande gioia; questo aspetto verrà sempre sottolineato, perchè anche se la gente grida, balla, corre, c’è un grande sentimento di fede e gioia. Le processioni in tutto sono quattro: la prima si svolge la mattina intorno alle ore 11,00 con la processione del SS. Sacramento, la seconda avviene intorno alle ore 13,00 con il “Gioia” che esce dalla chiesa di S. Maria La Nova tra l’esultanza dei fedeli e lo sparo di grandiosi fuochi pirotecnici per poi concludersi nella chiesa della Madonna del Carmine intorno alle ore 14,30. Questa fase sarà seguita in diretta streaming sui canali social di Sciclivideonotizie.it. Il racconto della festa è affidato a Bartolo Lorefice e Stefania Fiorilla. Commenti, interviste alla gente presente durante la traslazione dell’Uomo Vivo da Santa Maria La Nova alla Chiesa del Carmine. Dopo l’entrata nella chiesa del Carmine, ci sarà una sosta di alcune ore e poi si riparte. Intorno alle ore 16,00 esce nuovamente il simulacro per la seconda processione ma questa è l’unica del “Gioia” dove c’è ordine e preghiera perchè viene messo sopra una vara con ruote e si percorre un itinerario ben preciso ed ordinato; questa processione poi si conclude intorno alle ore 20,00. Infine l’ultima processione incomincia intorno alle ore 23,30 uscendo nuovamente a spalla dalla chiesa della Madonna del Carmelo per ritirarsi nella chiesa di S. Maria La Nova intorno alle ore 3,00 del mattino, ed anche a notte inoltrata c’è un sacco di gente che partecipa fino alla fine.