Memmo Cucuzza festeggia 50 anni di ciclismo, amarcord in piazza Italia

Per ricordare il suo amore per i pedali il 30 giugno ci sarà una manifestazione popolare

221
-Pubblicità-

SCICLI – Memmo Cucuzza, personaggio storico del ciclismo ibleo e sciclitano, molto in voga negli anni 60 e 70, che ha dedicato la sua gioventù a correre su una bici da corsa, vuole festeggiare i suoi 50 anni di passione per il ciclismo e lo farà in collaborazione del G.S. Amici del Pedale Scicli. E’ nata l’idea di organizzare una ciclo storica anche a Scicli che si terrà domenica 30 giugno. L’evento, a cui parteciperanno anche vecchi ciclisti avversari ma soprattutto amici di Memmo Cucuzza, si svolgerà in varie fasi che coinvolgeranno non solo gli appassionati delle bici ma anche le famiglie. In Piazza Italia verrà allestita una mostra con le maglie, le bici e le foto più significative della sua carriera. La ciclo storica invece vedrà i partecipanti affrontare un percorso di circa 30 chilometri, che verrà effettuato ad andatura ciclo turistica e avrà un punto di ristoro a Modica. Il percorso è stato scelto da Memmo Cucuzza non in maniera casuale ma era il suo percorso di allenamento preferito negli anni di agonismo. I partecipanti e i familiari al seguito avranno alla fine una gradita e gustosa sorpresa in Piazza Italia. Alla ciclo storica può partecipare chiunque, preferibilmente con bici da corsa vintage. “Sono veramente emozionato e felice per aver potuto coronare un sogno, quello di rendere fruibili a tutti quelle che sono state le mie forti emozioni legate alla passione per la bici – queste le parole di Memmo Cucuzza visibilmente commosso– e voglio ringraziare innanzitutto la mia famiglia per essermi stata sempre vicino e poi le istituzioni, il gruppo sportivo Amici del Pedale con il presidente Pino La Guardia in testa e, quanti hanno contribuito alla realizzazione dell’evento“. “Anche noi del gruppo sportivo –dice Pino La Guardia– siamo felice per l’evento, senza scordare che Memmo è stato per noi spesso un punto di riferimento sia sulla bici che nel gruppo sportivo, essendo stato lui stesso presidente“.