L’apicoltura al Mercato ortofrutticolo di Donnalucata

Un laboratorio sociale frutto di un accordo tra il Comune e la Federazione apicoltori italiani della Sicilia

235
-Pubblicità-

SCICLI – Il Mercato ortofrutticolo di Donnalucata apre all’apicoltura, ospitando, in un’ala del centro servizi, un laboratorio sociale dedicato. Il nuovo spazio è stato inaugurato, lo scorso 7 luglio, dal Comune di Scicli e dalla Fai Sicilia (Federazione Apicoltori Italiani), dando così inizio a un percorso di sviluppo sociale ed economico dell’apicoltura in provincia di Ragusa.

Alla cerimonia inaugurativa hanno partecipato l’assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Scicli, Viviana Pitrolo, la Delegata Provinciale Fai, Irene Raimondo, padre Salvatore Giurdanella, della parrocchia Santissimo Salvatore di Scicli, e tanti apicoltori.

Il laboratorio –spiega l’assessore Viviana Pitrolo- nasce per dare la possibilità ai piccoli apicoltori di commercializzare direttamente, nel rispetto delle norme sanitarie, il loro prodotto. Nel laboratorio sociale, ciascun apicoltore associato potrà estrarre e confezionare personalmente il proprio prodotto con l’assistenza di personale esperto e qualificato; ad ogni partita di miele verrà assegnato un numero di lotto e tutte le confezioni saranno munite del regolare sigillo di garanzia fornito e gestito da Fai Sicilia. Il laboratorio –prosegue Pitrolo- è il punto di partenza perché tanti piccoli apicoltori possano lavorare assicurando la sicurezza alimentare e la tracciabilità del prodotto ai consumatori. Ma è anche il sistema per far emergere il lavoro di tante piccole realtà che dà la possibilità di ricavare un giusto reddito dall’allevamento delle api e rappresenta un incentivo per fare crescere gli allevamenti da una dimensione amatoriale ad una più professionale. Quella di Donnalucata –conclude Pitrolo- è la seconda esperienza del genere in Sicilia, dopo Valderice, in provincia di Trapani. All’associazione è stato consegnato un immobile di 200 metri quadri, finanziato a suo tempo con i finanziamenti del Patto Terre della Contea”.