“Tormentone” strisce blu a Scicli, continua la polemica

Anche il Partito democratico contrario ai parcheggi a pagamento fino a mezzanotte

156
-Pubblicità-

SCICLI – Un vero e proprio “tormentone” quello delle strisce blu. Nell’ultima settimana numerose le bocciature registrate nel dibattito cittadino circa l’estensione dell’orario di validità dei parcheggi a pagamento, ubicati nel centro storico e a Donnalucata, fino alla mezzanotte nel periodo estivo (dal 1 luglio al 31 agosto). Ad alimentare la polemica il Partito democratico.

Nella foto il segretario del Pd Scicli Omar Falla

E’ chiaro –afferma il segretario del Pd Scicli Omar Fallache lo strumento delle strisce blu aiuta a limitare l’occupazione permanente di spazi di sosta in aree centrali. Ma l’estensione fino alle ore 24 nel periodo festivo appare, però, un inutile aggravio a carico di chi voglia usufruire della nostra città nelle serate estive, considerato pure che nelle altre città a vocazione turistica non è prevista una pari misura fino a tarda sera”. Il Pd propone soluzioni per far fronte alla carenza di parcheggi nel centro storico di Scicli. “In questo senso –prosegue Falla- andrebbero utilizzate le aree adiacenti alla scuola elementare di San Nicolò e quella accanto all’asilo di Valverde per creare parcheggi per bus turistici e mezzi privati, magari richiedendo al gestore della rete elettrica l’installazione di colonnine di ricarica per veicoli elettrici, in crescente diffusione”. Il Pd allarga il raggio del suo intervento al piano del traffico cittadino e chiede “oltre le misura dissuasive o interdittive del traffico privato, -si legge nella nota- anche provvedimenti a sostegno della mobilità alternativa, sia pubblica che in condivisione, sia pedonale che ciclistica”. Il segretario del Pd Scicli Falla aggiunge: “è anche necessario un rigoroso controllo e rispetto delle regole, ad esempio reprimendo la circolazione di ciclomotori strombazzanti fuori norma, o l’occupazione continuativa di stalli di sosta liberi da auto abbandonate o prive di copertura assicurativa”. Proposito del Pd la predisposizione di un piano del traffico moderno da progettare assieme alla città il quale “limiti l’utilizzo dei mezzi privati nel centro cittadino, evitando –conclude Falla- misure poco utili per la collettività e troppo onerose per gli utenti come quella dell’estensione delle strisce blu fino alla mezzanotte”.