Scicli: la convenzione stipulata tra il Comune di Scicli e l’ESA diventa una realtà operativa

Per interventi di pulizia di torrenti e valloni, aree verdi, strade e sistemazione arenili

SCICLI – Grazie alla convenzione siglata a fine maggio tra il Comune di Scicli e l’Ente Sviluppo Agricolo per servizi e tutela sul territorio comunale, nei giorni scorsi, sono iniziati i lavori che riguarderanno la pulizia di torrenti e valloni, pulizia aree verdi, pulizia strade e sistemazione arenili, posti all’interno del territorio comunale. Ad annunciarlo sono il Sindaco di Scicli Enzo Giannone ed il consigliere comunale Guglielmo Scimonello. L’Esa metterà a disposizione del Comune i mezzi meccanici agricoli ed il personale stagionale addetto alla loro conduzione per l’attività di scerbatura e di manutenzione del verde pubblico della cittadina e delle borgate estive.

Tale importante attività effettuata dal Servizio m.a. dell’Esa di Scicli, consentirà di ottimizzare e salvaguardare la pulizia del territorio nel periodo estivo, quando maggiore è la necessità di custodia e preservazione degli spazi pubblici. Il Comune da parte sua provvederà all’acquisto del carburante per l’utilizzo dei mezzi e per il ricovero degli stessi.

La convenzione con l’Esaafferma il Sindaco Enzo Giannoneè un accordo proficuo e produttivo che ci permetterà di venire incontro alle esigenze del paese utilizzando i mezzi ed il personale dell’ente. E’ un bell’esempio – termina il primo cittadino – di come la sinergia tra due enti pubblici possa offrire servizi a tutto il territorio”.

Il Comuneafferma Guglielmo Scimonellooggi non è nelle condizioni di poter attivare autonomamente questi lavori e, quindi, ogni anno con l’arrivo della stagione estiva accogliamo a braccia aperte la possibilità di utilizzare questa convenzione. Il ritardo di avvio dei lavori per la ‘Campagna di m.a. 2018’ – continua Scimonello- è dipeso dalla mancata disponibilità del mezzo (pala cingolata), utilizzato dall’Esa regionale, per attività lavorativa in altre località della Sicilia (Scoglitti e Caltanissetta). Dopo le continue interlocuzioni avviate con il responsabile dell’Esa di Scicli, Enzo Costanzo, con cui manifestava le difficoltà di rientro della Pala cingolata, mi sono prontamente attivato con i vertici regionali dell’Esa e, grazie alla disponibilità e spirito di collaborazione offerta dal Presidente Nicola Caldarone e dal responsabile del Servizio di Meccanizzazione delle attività sul territorio, Franco Greco, è stato possibile svincolare il mezzo per farlo rientrare in sede e renderlo prontamente disponibile per il Comune di Scicli.”