Donnalucata, la ‘varchiata’ della Madonna Assunta: rito tra fede e tradizione

In tante le imbarcazioni che hanno accompagnato il simulacro

-Pubblicità-

SCICLI – Anche quest’anno la tradizionale ‘varchiata’, svoltasi martedì scorso, ha dato il via alla ‘due giorni’ di festa in onore della Madonna Assunta a Donnalucata. Un rito intriso di devozione e tradizione, rimasto quasi intatto nel tempo, attraverso il quale i pescatori e le piccole imbarcazioni dell’antico borgo marinaro donnalucatese rendono omaggio alla Madonna Assunta. In tante le piccole e medie imbarcazioni che hanno deciso di accompagnare, ancora un volta, il simulacro della Madonna durante la solenne e suggestiva processione sulle acque che bagnano il litorale sciclitano, da Donnalucata fino a Cava d’Aliga.

E’ proprio a largo della costa cavadalgese che il gruppo dell’associazione Marinai d’Italia di Scicli ha deposto una corona d’alloro in memoria dei caduti in mare.

Canti e preghiere in onore della Madonna Assunta accompagnati del corpo bandistico “P. Di L. Busacca & F. Borrometi Città di Scicli”.