Scicli: al cimitero ‘piovono’ calcinacci

Frammenti d’intonaco si sono distaccati dal soffitto di una delle scale che conducono al piano seminterrato del perimetro cimiteriale

-Pubblicità-

SCICLI – Crollo di calcinacci in un’ala del piano perimetrale seminterrato del cimitero di Scicli, il cimitero noto in tutto il mondo per essere la location scelta dalla Palomar per la fiction del commissario Montalbano. L’evento si è registrato nella giornata di sabato scorso e non si esclude che possa essere legato alle forti piogge che recentemente si sono abbattute in provincia. Dal soffitto si sono distaccati delle schegge d’intonaco che sono finite rovinosamente a terra.

Il distacco si è verificato in prossimità di una delle scale che conducono al piano seminterrato del perimetro cimiteriale, in un’ala che dieci anni fa è stata sottoposta ad intervento di rifacimento dei solai e dei piani di calpestio. Nessun danno alle persone. Dai visitatori che sono passati per questa zona del cimitero cittadino è stato lanciato l’allarme. Il gruppo di Forza Italia Giovani ieri ha sottolineato come “oggi non si tratta solo di garantire il meritato riposo a chi, purtroppo, non c’è più, ma di tutelare i famigliari che, giornalmente o periodicamente, si recano al cimitero dai propri cari. In particolare, si tratta, spesso, di persone anziane, dunque, maggiormente esposte a pericoli derivanti dalle condizioni critiche del luogo sacro. Ci appelliamo all’Amministrazione comunale ed alle istituzioni competenti affinché intervengano rapidamente per risolvere le criticità riscontrate”.

Il cimitero della cittadina barocca, in particolare nella zona antica, è uno dei posti in cui cultura, struttura ed architettura si fondono in un solo luogo. Non sono poche, però, le emergenze nate negli ultimi anni. Forse si sente la necessità di applicare concretamente il concetto di recupero-espansione come lavoro volto a rispondere alle esigenze della comunità ma anche a quelle dello spazio stesso. Una visita nella parte antica, antecedente alla parte nuova di ampliamento costruita negli ultimi 8 anni, mette in luce lo stato di forte degrado in cui versa il camposanto. Le lamentele dei cittadini non si contano e fanno il paio con le condizioni di degrado che sono di evidenza quotidiana. Nei mesi scorsi il comune è intervenuto solamente con delle opere per tamponare e contenere i crolli.