Posti di blocco della Polizia locale alla periferia del Villaggio Jungi

Marina Sgarlata: "La nostra è un'attività di prevenzione, chiediamo sempre la collaborazione dei cittadini per il rispetto delle regole"

-Pubblicità-

SCICLI – L’amministrazione comunale procede nell’azione di controllo per il rispetto della legalità. Dopo i controlli al mercato ittico di Donnalucata, agli ambulanti e l’ordinanza per regolamentare l’attività dei centro scommesse e internet point, hanno fatto seguito dei controlli del territorio da parte della polizia locale nei punti d’ingresso della città.

Nella foto il sindaco Enzo Giannone

Rispetto della legalità e più sicurezza del territorio –ha detto il sindaco Enzo Giannone. Scicli merita di vivere la quotidianità con assoluta serenità. L’amministrazione che rappresento sin dal suo primo giorno di lavoro è impegnata in questo processo di difesa del territorio che amministra“. “L’operazione interforze che si sta conducendo in questi giorni che precedono i giorni di festa spiega il comandante della Polizia locale di Scicli Marina Sgarlata-, ha riguardato non solo a Scicli ma anche in altri comuni della provincia. Tutto nasce  da un accordo fatto tra i Sindaci iblei in Prefettura nelle scorse settimane. C’è in campo un forte spirito di collaborazione con i colleghi degli altri Comuni. Si tratta di un ottimo lavoro e di un’esperienza certamente molto positiva. I cittadini -ha aggiunge Sgarlata- devono sentirsi protetti, garantiti. La nostra attività è soprattutto di prevenzione, la repressione è l’ultimo stadio della nostra attività. Chiediamo sempre la collaborazione dei cittadini. C’è un preciso calendario stilato e che vede impregnate le Polizie locali di Modica, Scicli, Ispica e Pozzallo avvenuta nei giorni scorsi. Ieri, ad esempio, siamo impegnati a Modica con i colleghi del posto. Torneremo nei prossimi giorni di nuovo a controllare il vasto territorio di Scicli. In questa operazione Interforze-conclude il comandante- sono impegnati altri due gruppi di lavoro e c’è anche la collaborazione della Polizia Provinciale“. Sono state 54 le autovetture controllate in occasione dei posti di blocco, 58 le persone sottoposte a controllo, dieci multati per omesso uso della cintura e un automobilista multato per omessa revisione del veicolo.