Il “fascino” del calcio sceglie l’estro di un barbiere sciclitano

Da Donnalucata a Londra, Andrea Pellegrino si racconta

-Pubblicità-

SCICLI – E’ un vizio di famiglia quello di curare le acconciature ai personaggi del mondo calcistico internazionale. Andrea Pellegrino, 25 anni di Scicli, imita il fratello Peppe (qualche anno più grande), diventando un parrucchiere professionista di assoluto valore. Ad Andrea si rivolgono moltissimi calciatori inglesi di Premier League, tutti in fila nella sua sala a Londra dove si è trasferito da alcuni anni, seguendo il fratello Peppe.

Il fratello Peppe, infatti, ha tagliato i capelli a molti calciatori inglesi, diventando anche il barbiere personale dell’attaccante della nazionale italiana di Graziano Pellè quando giocava col Southampton. La chiave del successo professionale di Andrea Pellegrino sta nell’avere completato la sua formazione professionale a Londra, città in cui una iniziale e incerta avventura all’estero è diventata ‘oro’. Oggi Andrea, che lavora da più di un anno al “The ottoman crew”, nel centro londinese, è molto apprezzato sul piano professionale al punto di diventare parrucchiere personale del calciatore Cèdric Soares, campione europeo in carica col Portogallo, difensore dell’Inter fino allo scorso mese di maggio e attuale difensore del Southampton. “Ho conosciuto Cèdric Soares alla sua prima esperienza col Southampton -ci dice Andrea Pellegrino- perchè frequentava il nostro centro. Lui ha subito apprezzato il taglio di capelli che gli ho proposto.

Con Cédric si è instaurato un rapporto di amicizia e, su sua richiesta, sono stato chiamato per il suo matrimonio a Lisbona lo scorso 22 giugno dove si è sposato con Filipa Brandao. Per me è stata una doppia felicità partecipare al matrimonio di Cèdric ma soprattutto perché avevo ricevuto l’incarico di prendermi cura del suo hairstyle matrimoniale. Non dimentico mai gli anni di Scicli e Donnalucata -prosegue Pellegrini- quando lavoravo nella sala di Vincenzo Grimaldi che è stato il mio maestro. Quando posso torno volentieri a Donnalucata per una breve vacanza. Lo farò nel prossimo mese di agosto. Ho avuto la fortuna di andare all’estero e realizzare il sogno della mia vita: diventare un barbiere (dicono) di qualità. Speriamo che quello che è successo a me possa accadere ad altri giovani impegnati in altri settore lavorativi. Non è facile lasciare la propria terra i propri amici per tentare una vita migliore. Sono convinto -conclude Pellegrino- che la tenacia e il sacrificio alla fine premiano”.