Calcio: i gabbiani riprendono il volo, è iniziata la preparazione

Trenta calciatori a disposizione del tecnico Peppe Betto e del preparatore atletico Pino Rosa. Si lavora per rendere completamente agibile lo stadio "Ciccio Scapellato"

343
-Pubblicità-

SCICLI – E’ iniziata ieri pomeriggio la nuova stagione sportiva per l’Atletico Scicli che si è radunato nell’impianto Pluriuso di Jungi. Trenta giocatori, tra vecchi e nuovi, dopo essere stati accolti dalla società, hanno cominciato a sudare in vista del secondo campionato di Promozione. Quest’anno il campionato si preannuncia più difficile rispetto allo scorso anno. L’obiettivo resta sempre la salvezza, possibilmente conquistata con qualche giornata di anticipo. Il presidente Peppe Arrabito ha voluto rafforzare la società anche a livello dirigenziale. Sono arrivati infatti tre uomini nuovi che affiancheranno il massimo dirigente Arrabito. Si tratta di Rosario Iozzia, in qualità di direttore generale, Ignazio Salemi, in qualità di team manager, e Alessandro Morana che ricopre il ruolo di direttore sportivo. A lui si deve l’arrivo del portiere Andrea Carpenzano, dell’esterno Giovanni Grimaldi, del centrocampista Francesco Militello, dell’esterno alto Mattia Spitale, degli attaccanti Peppe Cannata e Damiano Occhipinti e del centrocampista Francesco Causarano. Intanto nei giorni scorsi si è tenuta una riunione programmatica, organizzata dal sindaco Enzo Giannone insieme al vice sindaco Caterina Riccotti, relativa ai lavori di completamento per l’utilizzo dell’impianto “Ciccio Scapellato”. Soddisfatta la società azzurro-cremisi. “Da lunedì 12 agosto -spiega a SVN il presidente Peppe Arrabito- inizieranno i lavori di pulitura all’interno del rettangolo di gioco mentre a breve si concluderanno i lavori necessari per rendere l’impianto fruibile fino a un massimo di 200 spettatori. Questi sono passi importanti; siamo fiduciosi -prosegue Arrabito- per il futuro. Ho visto massima disponibilità e impegno da parte degli amministratori“. L’Atletico Scicli dovrebbe giocare a porte chiuse solo due partite: una gara di Coppa Italia e una di campionato.