Torna il sereno tra il consigliere Scimonello e “Città Aperta-Lista Giannone Sindaco”

“Ho votato favorevolmente il Consuntivo da Consigliere libero, nell’interesse della comunità”

Nella foto i consiglieri comunali (da sx) Guglielmo Scimonello e Lorenzo Bonincontro
-Pubblicità-

SCICLI – Dopo le incomprensioni delle ultime settimane tra alcuni esponenti della lista civica “Enzo Giannone Sindaco” e Città Aperta, sembra tornare il sereno. Il consigliere comunale Guglielmo Scimonello, invitato nei giorni scorsi da Paolo Gambuzza di CA a non utilizzare il nome e il logo della lista civica, resta al suo posto. C’è un comunicato stampa chiarificatore a firma di Paolo Gambuzza, che arriva all’indomani del Consiglio comunale sul Conto consuntivo 2018.

Nella foto Paolo Gambuzza

Siamo convinti che, il tempo della divisione deve definitivamente cessare: la città di Scicli -si legge nel documento- ha bisogno di strumenti reali di partecipazione, di democrazia, in grado di consentire il riavvio di un dialogo vero, tra i componenti del gruppo, la società civile e la politica. Condividiamo il pensiero del consigliere Guglielmo Scimonello, quando afferma che, per cultura e ideologia politica, privilegia la politica sana, quella sincera, quella che aggrega e non divide, dicendo sempre ai cittadini la verità di come stanno le cose. Insomma, una politica che abbia come strada maestra il pensiero e l’idea della partecipazione, del coinvolgimento, del dialogo, del confronto, del chiarimento, delle pari opportunità e pari dignità, del rispetto, della trasparenza e della collegialità. In questa direzione s’inquadra anche il forte confronto dialettico con il consigliere Guglielmo Scimonello, avvenuto in una fase particolarmente complessa per la vita politico-amministrativa della città quale è stata quella della discussione “Rendiconto 2018”. L’altro giorno in aula, il consigliere Scimonello, in rottura con la coalizione del Sindaco, ha votato favorevolmente il Rendiconto. “L’ho fatto -spiega Scimonello- perché sono un consigliere che lavora per la città al di là della casacca che si indossa”. “A lui diamo atto quindi -scrive Gambuzza- un comportamento responsabile e coerente rispetto alle indicazioni del coordinamento. E riconosciamo il fatto che si è fatto trovare sempre pronto per votare tutti gli atti propedeutici al risanamento delle casse comunali”.