Basket, “Trofeo Aquilotti”: i ragazzi della “F. Ciavorella” pronti a volare alto

La formazione giovanile biancoazzurra tra le protagoniste della manifestazione sportiva provinciale

76
-Pubblicità-

BASKET – Si appresta a entrare nel vivo l’edizione 2020 del “Trofeo Aquilotti”, manifestazione provinciale riservata ai giovani cestisti di età compresa tra i 9 e i 10 anni. Tra le squadre partecipanti al torneo anche la formazione della Usd “Fernando Ciavorella”, guidata dai tecnici Santo e Alberto Carestia. A comporre la compagine biancoazzurra i seguenti mini atleti: Denny Adurno, Giuseppe Asta, Valerio Candoni, Pietro Cappadonna, Eva Causarano, Azzurra Ficili, Francesco Fidone, Paolo Giannone, Christian Implatini, Gabriele Lonatica, Gabriele Lutri, Andrea Manenti, Nicolò Nicoscia, Ottavio Scivoletto Salvatore Tinè e Lorenzo Giurdanella. Al “Trofeo Aquilotti” partecipano sedici formazioni suddivise in due gironi. La Ciavorella Basket è stata inserita nel girone est insieme alle compagini: I Have a team Gazzelle, Basket Club RG “A”, Pegaso RG Gazzelle, C. Olimpia Domenico Savio, Ad Maiora Gazzelle, Azzurra Basket Pozzallo. La prima fase, iniziata il 14 di gennaio per poi terminare dopo sei gare il 29 febbraio, viene disputata secondo la formula del girone all’italiana con partite di solo andata. La seconda fase verrà disputata secondo il criterio della competenza, nella quale verranno composti altri due gironi di cui uno formato dalle prime tre formazioni qualificate nel girone est e le prime cinque formazioni del girone ovest e un secondo girone formato da tutte le altre otto formazioni. Come previsto dalle norme del minibasket 2019/2020 ogni partita è formata da 6 tempi da 6 minuti ciascuno e i giocatori in campo sono quattro per ogni tempo.

Nella foto (da sx) i tecnici Alberto e Santo Carestia

Un trofeo per divertirsi e per divertire –commentano i tecnici Santo e Alberto Carestia. “In questa fase il gruppo degli ‘Aquilotti’ inizia il periodo di perfezionamento del gesto motorio necessario per utilizzare al meglio il proprio corpo in relazione allo spazio, al tempo, alla palla, alle regole di gioco, ai compagni e agli avversari. Il trofeo, che il gruppo della Fernando Ciavorella si accinge a disputare, diventa così lo strumento -proseguono i due tecnici della Ciavorella Basket- di completamento di un percorso di dinamica interazione tra il comportamento innato del giovane mini atleta e la sperimentazione attiva di adattamento all’ambiente di gioco e alle regole del minibasket che sia in palestra che sul campo di gioco si mira a sviluppare. Premesse importanti –concludono Santo e Alberto Carestia- del progetto didattico formativo che la Fernando Ciavorella annualmente mira a realizzare per avviare il giovane al gioco della pallacanestro ma anche per abituarlo, attraverso le gare del trofeo, al confronto con gli altri”.