“Il Comune fuori dai giochi…”

Parco nazionale dei Monti Iblei, Morana (M5S) mette nel mirino l’amministrazione Giannone

Nella foto la consigliera Concetta Morana
-Pubblicità-

SCICLI – La consigliera comunale del M5S, Concetta Morana, mette nel mirino l’amministrazione comunale accusandola di “avere perso un’altra occasione di sviluppo e valorizzazione territoriale”. L’esponente pentastellata parla di una esclusione di Scicli dal Parco degli Iblei.Apprendo a mezzo stampa che ieri mattina presso il Libero Consorzio di Ragusa -scrive in una nota Morana- si è tenuto un proficuo incontro alla presenza di istituzioni locali e funzionari della Regione Siciliana sul nascente Parco Nazionale degli Iblei. Non rilevo, per contro, alcuna comunicazione in merito da parte dell’amministrazione comunale sciclitana”. La consigliere Morana evidenzia che “nel giugno 2017 fu approvata all’unanimità una sua mozione di indirizzo che impegnava il sindaco Giannone e la giunta ad attivarsi per far sì che anche il Comune di Scicli entrasse a far parte del Parco degli Iblei. Ad agosto 2017 -prosegue Morana- l’amministrazione comunale portò in aula una proposta di perimetrazione non condivisa dall’allora gruppo di minoranza che presentò una sua proposta di perimetrazione maggiormente in linea con lo spirito del nascente parco e garantiva una maggiore continuità territoriale. L’emendamento prevedeva l’inserimento nella proposta di perimetrazione le cave di Santa Maria La Nova, San Bartolomeo ed il colle di San Matteo/Chiafura. La proposta fu bocciata ed il risultato è che la perimetrazione a firma dell’assessore Pitrolo e del capo settore di competenza non è stata inserita nel progetto del nascente Parco degli Iblei. In poche parole -conclude Morana- la città di Scicli è rimasta fuori dai giochi”.