Serie A di Torball: la Settecolli Scicli fa festa, salvezza centrata

Per la squadra di Alessandro Carfì decisivi i due punti conquistati contro il GSNV Bolzano 2 e l'Asd Pol. Torino

115
Nella foto il team della Settecolli Scicli
-Pubblicità-

SCICLI – Al termine della sesta giornata del campionato nazionale di serie A di Torball in casa ASDC Settecolli Scicli si fa festa per aver raggiunto la salvezza, obiettivo minimo ad inizio della stagione. La quinta e la sesta giornata del massimo campionato si sono svolte a Reggio Calabria, presso il rinnovato impianto sportivo Palascatolone “Piero Viola”. Con i due punti ottenuti nelle due giornate, frutto di due pareggi, rispettivamente con GSNV Bolzano 2 (3-3) e Asd Pol. Torino (1-1), ha raggiunto la tanto agognata salvezza. Ci sono stati momenti di ansia in attesa di conoscere i risultati del raggruppamento di Teramo, ma alla fine sono stati punti di platino che hanno consentito di chiudere al nono posto la classifica finale, come di seguito riportata:

Asd Omero Bergamo     53
GSNV Bolzano 2           50
GSNV Bolzano 1           43
Asd Reggina Uic           42
Asd Pol. Uici Torino       38
Gsd Colosimo               38
Asd Teramo                 35
Asd Augusta No.Ve.      32
Asdc Settecolli Scicli  21
Asd Paideia Sporting     20
Asd Eagles Latina         10
Asd L’Aquilone              3

Nella foto Giovanni Trovato

Miglior realizzatore della squadra è stato Giovanni Trovato con 38 gol realizzati (sei nelle ultime due giornate). Positiva anche la prova degli altri componenti del team. Autentico baluardo della difesa sciclitana è stato Giovanni Di Stefano nel suo ruolo di centrale che in più circostanze ha salvato la porta dalla capitolazione.

Nella foto una fase di gioco

In seno al team c’è molta soddisfazione per il risultato finale ottenuto, anche se si recrimina per quanto concerne l’inesperienza nella massima serie per aver “regalato” dei punti preziosi negli istanti finali ad avversari decisamente non superiori tecnicamente. Un riconoscimento particolare va all’allenatore, Alessandro Carfì, che con la sua passionalità ha saputo dare equilibrio mentale a tutti e, poi, all’intero team, sia per l’impegno negli incontri, sia nella serietà e costanza dimostrata durante i mesi di intensi allenamenti, soprattutto quelli che vengono da località viciniori.