Calcio: gabbiani in picchiata

Campionato di Promozione, 23^ giornata - I ragazzi di Roberto Tasca cadono sul campo del Caltagirone. Il presidente Peppe Arrabito: “I ragazzi hanno dato il massimo, c’è ancora tempo per recuperare”

316
Nella foto l'undici titolare dell'Atletico Scicli sceso sul campo del Caltagirone
-Pubblicità-

CALTAGIRONE   3

ATLETICO SCICLI 0

Marcatori: st 26’ Incardona, 35’ Navanzino, 40’ Gomez.

Caltagirone: Polessi, Spatola, Cinnirella, Manuello, Iapichino, Navanzino (40’ st Ferlito), Commendatore (28’ st Gomez), Camuti, Incardona, Ruscica. A disp.: Cusimano, Evola, Zago, Acquaviva. All.: Evola.

Atletico Scicli: Cilmi, Voi, Occhipinti A., Bongiardina, Arrabito, Fidone Gi., Grimaldi (29’ st Padua), Gazzè (11’ st Ruta), La China, Donzella, Occhipinti D. (15’ st Gennuso). A disp.: Fidone Ga., Adamo, Occhipinti K, Allibrio, Vindigni. All. Tasca.

Note: espulso al 36’ st Camuti.

Arbitro: Emanuele Orlandi di Siracusa.

CALCIO – Per l’Atletico Scicli arriva la seconda sconfitta consecutiva. Oggi è stato battuto dal Caltagirone con il risultato di 3 a 0. La squadra del presidente Peppe Arrabito non vince da sette giornate. Contro i calatini l’undici di Roberto Tasca ha giocato un buon primo tempo. La ripresa è stata letale per i gabbiani. L’Atletico Scicli ha subito tre reti dal Caltagirone che ha colpito un avversario proiettato in avanti dopo il primo svantaggio. L’Atletico Scicli è in piena zona Play out con 20 punti a –2 dalla quart’ultima RG che vuol dire salvezza. Da qui alla fine della stagione mancano sette giornate. C’è ancora tempo per recuperare. La cronaca di oggi. Il primo tempo termina a reti inviolate. Nella ripresa il primo gol per i padroni di casa lo realizza al 26’ Incardona. Il raddoppio al 35’ con Navanzino. I calatini restano in dieci uomini per l’espulsione di Camuti al 36’ ma il risultato non cambia per gli ospiti. La terza rete arriva al 40’ con Gomez. Nonostante la sconfitta c’è ottimismo per il futuro. Il presidente Peppe Arrabito a SVN dichiara: “I ragazzi hanno dato il massimo, c’è ancora tempo per recuperare”.