Ospedale Busacca, le parole del Sindaco fanno arrabbiare il sindacato degli infermieri

Al Nursind regionale non sono piaciute le esternazioni del primo cittadino Enzo Giannone pubblicate su SVN

-Pubblicità-

SCICLI – L’ultimo intervento pubblico del sindaco di Scicli sull’ospedale Busacca fa arrabbiare il Nursind Sicilia (Sindacato delle professioni infermieristiche). In una nota, a firma del segretario regionale Claudio Trovato, si replica alle affermazioni del primo cittadino. Il Nursind stigmatizza, in particolare, queste affermazioni: “quello che era l’ospedale Busacca oggi non è in grado di potere assistere a nessun malato” ed ancora “in un ospedale che è chiuso da tempo e che non ha altro che le mura”. “Sentire le parole del Sindaco -riporta il documento del Nursind- che rappresenta la massima autorità nel campo della sanità e dell’igiene pubblica del territorio ci rabbrividisce. Vogliamo ribadire e dire al Sindaco che all’interno delle mura del nosocomio sciclitano esistono importanti servizi a cui l’utenza fa affidamento”. Nursind auspica che “il sindaco studiasse i piani di rimodulazione ospedaliera e si consultasse con dei tecnici, prima di spargere notizie false a lesione degli operatori del Busacca”. Inoltre il sindaco Giannone viene invitato “a prodigarsi insieme agli attori della politica territoriale all’apertura del ‘Bonino Pulejo’, dei posti letto di chirurgia e medicina trascritti nei piani di rimodulazione ospedaliera e trascritti nelle fonti legislative regionali emanate”.