Scicli, la ripresa dell’attività sportiva dopo la lunga pausa

In vista di ciò l’esercizio fisico praticato autonomamente a casa e nei dintorni resta al momento l’unico modo per mantenersi in forma

Nella foto il gruppo sportivo dell'assocazione "Scuola-Famiglia£. Foto repertorio
-Pubblicità-

SCICLI – Tutti siamo stanchi, stretti tra la depressione del presente, provocata dall’isolamento forzato, e l’angoscia del futuro per le previsioni incerte, determinate da una situazione di fatto in cui il virus ha avuto il sopravvento. Il cedere alla nevrosi potrebbe non soltanto vanificare tutti i sacrifici di quasi due mesi, ma metterci di fronte a un periodo ancora più lungo di limitazioni e quindi di effetti ancora più gravi nel contesto economico e sociale. Quale miglior toccasana la ripresa dell’esercizio fisico in modo graduale, cercando di regolare al meglio i tempi di recupero, dopo lo stop a tutti i livelli imposto dalle misure di contenimento del “coronavirus”. Perciò, fino a quando non sarà possibile ricominciare a fare sport in maniera regolare, all’aperto, in palestra o in impianti sportivi, gli esperti in materia (Federazione Medico Sportiva Italiana) evidenziano l’importanza di mantenere comunque uno stile di vita attivo, con l’obiettivo di contrastare la sedentarietà, i cui effetti sulla salute di ciascun individuo possono essere devastanti. L’esercizio fisico riduce il rischio di malattie del sistema cardiovascolare, riduce il rischio di sindrome metabolica e diabete di tipo 2, aumenta la densità minerale ossea e la massa muscolare ed ha un ascendente sulla salute mentale. Gradualità e modalità. Alla ripresa dell’attività fisica si potrebbe iniziare con esercizi per l’aumento del tono muscolare, esercizi posturali, stretching etc. e con un programma di resistenza per migliorare la capacità aerobica. Nella fase iniziale può essere utile alternare i giorni di allenamento con giorni di riposo o aumentare di qualche minuto ogni giorno il volume di attività fisica praticata. L’intensità del lavoro dovrebbe variare a seconda delle condizioni fisiche individuali e dell’età. Per il mantenimento del tono muscolare si possono usare piccoli pesi o elastici, oppure, si possono praticare esercizi a corpo libero (piegamenti e flessioni). Per l’attività aerobica, invece, si possono utilizzare cyclette e tapis roulant, in alternativa, si può marciare sul posto, saltare una cordicella o utilizzare gradini. Alla fine sempre consigliata una fase di defaticamento, con allungamento muscolare. In attesa del via libera che consentirà a tutti di tornare a fare attività fisica all’aria aperta oppure all’interno di palestre e centri sportivi è consigliato a tutti di dedicarsi a una serie di esercizi anche a casa con programmi di allenamento che variano a seconda delle capacità del singolo, difatti, ci sono tabelle specifiche per chi non ha mai fatto sport, per chi lo pratica in maniera moderatamente attiva e per chi è ben allenato. L’importante è mantenere sempre ben presente il concetto di gradualità. E’ fondamentale che dopo un periodo di ridotto esercizio fisico e aumentata sedentarietà un’adeguata attività fisica, finalizzata alla tutela della salute, venga praticata con le dovute cautele e in condizioni di assoluta sicurezza. Avere costanza nello sport ripaga sempre con benefici duraturi. Comunque, bisogna valutare sempre se gli esercizi che ciascuno si appresta a fare siano sostenibili con il proprio fisico. Evitare di partire con sessioni troppo lunghe e stancanti: il corpo, non abituato da tempo agli sforzi, potrebbe risentirne.

Foto repertorio

Al momento tutte le attività sportive cittadine sono ferme, sia di squadra (calcio, basket, pallamano, calcio a 5 etc) che a livello individuale (tennis, judo, podismo e ginnastica). Anche il numeroso gruppo dei camminatori ha fermato la propria attività, così come quello riguardante l’Associazione Scuola Famiglia presso la palestra del Liceo Scientifico “Quintino Cataudella”.

Foto repertorio

Infine, non ci resta che augurarci, ben presto, un ritorno alla normalità per il bene psicofisico di tutti e con un occhio rivolto a tutte quelle persone che magari in questo periodo hanno avuto un aumento del peso corporeo.