Scicli: apertura consiliare scoppiettante, protagonisti i consiglieri Vindigni e Trovato

La polemica sugli scranni è arrivata subito dopo la lettura per l’approvazione dei verbali

-Pubblicità-

SCICLI – Apertura di seduta consiliare scoppiettante ieri mattina con una polemica a sorpresa che ha visto protagonisti il consigliere Giorgio Vindigni del movimento “Cittadini per Scicli” e la consigliera Rita Trovato di “Laboratorio Scicli”. Subito dopo la lettura per l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti, il consigliere Vindigni ha preso la parola chiedendo la rettifica della deliberazione n.13 della seduta del 20 febbraio 2020 (nella quale si era parlato dello scioglimento del Consiglio comunale 2015), con l’inserimento della frase “…c’era un accordo…“. All’intervento dell’esponente di “Cittadini per Scicli” ha replicato la consigliera Trovato che ha condannato il fatto che, pochi minuti dopo le parole di Claudio Caruso, c’era già un post su un social a firma dell’avvocato Bartolo Iacono che riportava, in virgolettato, le dichiarazioni del consigliere comunale del Pd. Trovato ha ricordato che registrare le sedute all’insaputa dei consiglieri e divulgare tale registrazione è reato. I lavori sono poi proseguiti regolarmente con la trattazione dei punti all’ordine del giorno.