Porticciolo inalgato e insabbiato, icona negativa di Donnalucata

E’ la volta della Lega: “Si intervenga rapidamente per rimuovere le alghe. L’area venga valorizzata per ridare slancio alla borgata”

-Pubblicità-

SCICLI – Il fenomeno dell’inalgamento e dell’insabbiamento del porticciolo di Donnalucata è diventato un problema molto serio. Giugno ha fatto posto a luglio e la problematica permane. La fotografia del luogo mostra lo scalo di alaggio sommerso da uno strato spesso di alghe in putrefazione. Un’icona negativa di Donnalucata. E’ la volta della Lega puntare l’indice contro chi dovrebbe intervenire per bonificare il porticciolo. Il Commissario della Lega Scicli, Pierluigi Aquilino, interviene sulla criticità che intacca oltre l’immagine della borgata l’operatività della marineria donnalucatese, costretta a spostarsi altrove per l’impossibilità di usufruire del porticciolo “Oltre ad essere inalgato, il porticciolo- scrive la Lega- è anche insabbiato. La rimozione delle alghe garantirebbe, almeno nell’immediato, un recupero della fruizione dell’area per l’attracco delle imbarcazioni e, altro aspetto importante, la fine del nauseante odore che si percepisce nella zona. Inoltre, ne gioverebbe anche l’immagine della borgata, poiché la vasta presenza delle alghe non può certo considerarsi un valido biglietto da visita per Donnalucata. Per questo, chiediamo alle autorità competenti di intervenire immediatamente almeno per rimuovere le alghe, in attesa di usufruire della draga per rimuovere la sabbia e prevenire un nuovo insabbiamento, così da ridare alla comunità di Donnalucata la possibilità di usufruire di una struttura importante come il porticciolo”. La Lega chiede anche che l’area venga tutelata su un piano ambientale, “attraverso l’installazione dei “Seabin”, ovvero dei cestini galleggianti che appena immersi sono in grado di catturare 500 chilogrammi, circa 1,5 chili al giorno, di microplastiche, microfibre e altri rifiuti comuni, come i mozziconi di sigaretta, sospesi nell’acqua. Si tratta di strumenti molto diffusi in altre località marinare, soprattutto nei porti, ed a basso impatto economico ma dal grande contributo ecologico”. Sul porticciolo di Donnalucata, la Lega segnala che “l’Onorevole Orazio Ragusa è riuscito ad ottenere, lo scorso 10 Giugno, l’approvazione a Palermo del progetto riguardante i lavori di manutenzione straordinaria dei fondali. In questo modo, sarà possibile avviare gli interventi, per l’importo complessivo di 300 mila euro, che, messi a disposizione dell’Assessorato Infrastrutture e Mobilità della Regione, garantiranno un sospiro di sollievo alla marineria locale e ai diportisti. Non solo, infatti il dragaggio dei fondali è il preludio per un più ampio progetto, ovvero la messa in sicurezza, grazie ai fondi della Protezione civile, pari a circa 3,8 milioni di euro. Fondi che- conclude la Lega- sono stati destinati allo scopo da anni e che presto potranno essere utilizzati nella maniera più funzionale allo stesso progetto”.