Calendario estivo, la Lega Giovani: “Quando sarà pubblicato?”

Chiesto all’Amministrazione comunale anche di valorizzare borgate, centro storico e contrade

-Pubblicità-

SCICLI – La Lega Giovani di Scicli lancia un altro appello alla Giunta Giannone. “Rilanciare il turismo nel centro storico e nelle borgate, puntando sulla programmazione e servizi adeguati, riscoprendo anche le nostre contrade”. Per la Lega Giovani è importante “ripartire da una seria programmazione, coinvolgendo, come in parte fatto dall’Assessore al ramo, le associazioni”. Per il partito del carroccio “sarebbe molto utile l’istituzione della Consulta per il Turismo, oltre alla piena attivazione di un Ufficio Turistico. Non solo, per valorizzare il centro storico e le borgate è necessario predisporre un calendario estivo innovativo e di ampio respiro. In tal senso, considerato anche che borgate come Cava d’Aliga non ospiteranno neanche tornei sportivi, sarebbe utile sfruttare l’ampio spazio che lungomari e spiagge potrebbero garantire per eventi culturali o musicali, al fine di rispettare pienamente le norme anti-covid. Proprio per questo, ma non solo, è necessaria una fitta programmazione di eventi, diurni e notturni, che possa portare i turisti a godere delle bellissime spiagge di cui il nostro territorio dispone”. Restando in tema di borgate la Lega Giovani aggiunge: Sarebbe utile creare dei bus navetta che le colleghino al centro storico, così da permettere a tutti i turisti che soggiornano a Scicli di arrivare facilmente nelle località marinare. Questo permetterebbe ai turisti di apprezzare appieno tutto il territorio di Scicli, dal centro storico alle borgate, offrendo così loro la possibilità di conoscere la nostra storia, la nostra cultura e allo stesso tempo fornire un servizio molto utile per chi giunge sprovvisto di un mezzo proprio. Altro tema importante –prosegue la Lega Giovani- è la possibilità di sfruttare le aree rurali per valorizzare al meglio le contrade di Scicli. In questi spazi, ad oggi non attenzionati, si potrebbero creare percorsi che mettano in risalto le nostre specialità eno-gastronomiche e le bellezze paesaggistiche in loco, il cosiddetto turismo rurale”. In ultimo il partito leghista propone, in collaborazione con gli altri Comuni limitrofi, la creazione di una rete iblea del turismo “che possa fare fronte comune, soprattutto sul versante promozionale, in grado di attrarre quanti più turisti possibili. Turisti che potrebbero essere attratti anche con una serie di agevolazioni nei soggiorni o nell’uso dei mezzi pubblici o dei sopracitati bus navetta”.