Scicli, spiagge: “Lavori in corso perenni e il sogno della bandiera blu”

La voce di Lega Giovani Scicli, il neo coordinatore Matteo Lumiera chiede agli amministratori comunali più impegno

-Pubblicità-

SCICLI – Altri 10 giorni di luglio e poi vivremo in pieno agosto, uno dei mesi più attesi dell’anno. Lega Giovani Scicli prova a fotografare l’attuale situazione a Scicli e nelle borgate. E’ il neo coordinatore cittadino Matteo Lumiera a parlare.
Questa è una stagione estiva anomala -scrive in un comunicato stampa Lega Giovani Scicli- e non potendo far leva sui vari eventi che si svolgono nelle nostre borgate tra tornei e movida e soprattutto data l’assenza di un cartellone estivo ben chiaro, risulta evidente che se si vuole evitare il fallimento del periodo estivo bisogna puntare tutto sulle nostre spiagge. Fortunatamente Scicli gode di 18 chilometri di costa e quindi è anche facile rispettare tutti quei vincoli, necessari, che l’epidemia da covid-19 impone. Avendo così poche alternative, dunque, è quasi imprescindibile far si che le nostre spiagge siano pulite e dotate di quelli che possiamo definire “servizi essenziali”. Lumiera fa emergere alcune criticità. “Tuttavia, a stagione estiva già avviata -prosegue Lumiera-, abbiamo riscontrato che in alcune aree servono ancora degli interventi. Nello specifico parliamo di Cava d’Aliga e Micenci a Donnalucata”.

Nella foto Matteo Lumiera

Cosa chiede Lega Giovani? “Come prima cosa -dice Lumiera- chiediamo la rimozione del divieto di accesso alle spiagge dalle ore 21 alle ore 6, riteniamo tale norma totalmente inutile e anzi deleteria per gli imprenditori locali. Successivamente vogliamo segnalare che le nostre coste necessitano di interventi di manutenzione mirati. Ad esempio la spiaggia di Cava d’Aliga ha bisogno di un intervento di scerbatura che pulisca la spiaggia da tutte le erbacce presenti in modo tale da renderla interamente fruibile ai bagnanti.

Nella foto la spiaggia di Cava d’Aliga

Interventi simili poi andrebbero fatti anche a Sampieri, Bruca e Playa Grande. Per quanto riguarda Micenci, invece, la situazione è più complessa. Infatti oltre al lavoro di scerbatura, si rende urgente anche un lavoro di bonifica nel tratto antistante le docce. Si chiede ciò al fine di evitare che larga parte di questa spiaggia resti totalmente inutilizzata. Benché complesso, tale intervento si rende necessario per evitare che questo tratto di costa venga abbandonato da turisti e residenti, inoltre aggiungiamo che questo tratto fangoso di spiaggia poco si addice ai nostri bellissimi paesaggi. Detto ciò l’invito che il nostro gruppo fa alle autorità competenti è quello di intervenire il prima possibile affinché queste criticità vengano risolte. Infine, con spirito propositivo e senza alcuna vena polemica, suggeriamo di installare, ove mancanti, le pedane in modo da facilitare l’accesso in spiaggia a tutti i bagnanti, ma soprattutto a quelli con mobilità ridotta. Altro intervento che si potrebbe far per rendere sempre più pulite le nostre spiagge è quello di inserire dei cestini dei rifiuti per la raccolta differenziata in tutte le spiagge in più tratti così da rendere più agevole la raccolta del pattumeOggettivamente i nostri litorali non hanno nulla da invidiare a quelli dei comuni vicini che annualmente ottengono la bandiera blu. Questo importante riconoscimento -conclude il comunicato di Lega Giovani-, aumenterebbe notevolmente il prestigio del nostro comune e darebbe un nuovo impulso al turismo che così non sarebbe più incentrato solo nel centro storico grazie alla fenomeno Montalbano, ma riceverebbe un nuovo impulso capace di valorizzare le nostre borgate”.