Applausi e apprezzamenti per la rassegna estiva dell’associazione “Cava d’Aliga d’aMare”

Domani sera alle ore 21 ultimo dei tre appuntamenti di “Incontri di autori a Km zero”

Nella foto un momento del secondo appuntamento della rassegna "Incontri di autori a Km zero"
-Pubblicità-

SCICLI – Sarà il regista e docente universitario Vito Zagarrio protagonista, domani sera alle ore 21, dell’ultimo dei tre appuntamenti della rassegna estiva “Incontri di autori a Km zero”. Sugli scogli di via del Mare, nei pressi della grotta, sarà installato un grande schermo dove saranno proiettate delle sequenze del suo recente docufilm dal titolo “Franco Polizzi: l’immaginato e il visto” e dei brani tratti da “La donna della luna”, il primo lungometraggio di Zagarrio datato 1988. Sarà un omaggio del regista alla sua amata Cava d’Aliga, al suo mare e alla sua scogliera che è stata per lui fonte di ispirazione come lo è stata per il maestro Franco Polizzi, atteso per la serata insieme ad altri ospiti. Nonostante manchi ancora l’ultimo atto, la rassegna “Incontri di autori a Km zero”, organizzata per la prima volta e in via sperimentale, dall’associazione “Cava d’Aliga d’aMare”, ha riscosso già tanti applausi e apprezzamenti dal nutrito pubblico che ha assistito alle prime due serate di domenica e lunedì scorsi. Nel primo appuntamento “Via Lattea, incrocio via Del Mare”, svoltosi nel parco di Costa di Carro, l’astrofisico Angelo Adamo ha regalato momenti magici, coinvolgendo tutti nell’osservazione delle stelle. La seconda serata, invece, è stata dedicata alla storia con la proiezione in piazza Mediterraneo del documentario “Picciriddi” e dei brani di “Terramatta”, dedicati alla Grande guerra, alla presenza di Chiara Ottaviano autrice del primo e produttrice e co-sceneggiatrice del secondo. E’ stata la stessa Ottaviano a introdurre e commentare i temi e i contenuti della serata, suscitando grande seguito e interesse nelle persone presenti.

Nella foto un momento del secondo appuntamento della rassegna “Incontri di autori a Km zero”. Nella foto Chiara Ottaviano e Antonino Iurato

La nostra prima rassegna estiva, organizzata in via sperimentale –spiega Antonino Iurato, presidente dell’associazione Cava d’Aliga d’aMare-, ci sta decisamente stupendo. Le prime due serate della manifestazione hanno riscosso parecchio seguito e apprezzamenti superiori alle nostre aspettative della vigilia. Tutte le iniziative sono state rese possibili grazie al lavoro di volontariato di chi ha curato l’ideazione e l’organizzazione, di chi ha collaborato, dei professionisti che hanno dato la loro disponibilitàL’organizzazione–prosegue Iurato- ringrazia per il sostegno le ditte Lo BaRtolo, La fenice, Gli aromi, Blazer, Vivaio ibleo, oltre a tutti gli associati e a chi ha dato un contributo per la copertura delle speseUn particolare ringraziamento a Pietro Tortorici, del Centro incontro di Cava d’Aliga e Bruca e a Claudio Mania per il sostegno. Vi aspettiamo, dunque, numerosi domani alle ore 21. Portate un seggiolino per aiutarci a mantenere il distanziamento e, naturalmente, la mascherina. Colgo l’occasione per ricordare a tutti –conclude Iurato- che è ancora in corso la mostra collettiva di pittura, allestita nei locali del Centro Incontro di via Tostoj, con le opere di Lino Bellia, Federica Tomasello e Sebastiano Albergamo. L’esposizione sarà visitabile fino a domenica 23 agosto dalle ore 19 alle ore 23”.