Scicli: successo per le “Camilleriadi”

Domenica scorsa l’evento ha celebrato in chiave teatrale il Maestro Andrea Camilleri

Foto Emanuele Caschetto
-Pubblicità-

SCICLI – Sono stati proprio i luoghi del “suo” Commissario Montalbano a fare da sfondo all’evento inedito che ha celebrato, in chiave teatrale, domenica scorsa, il Maestro Andrea Camilleri, in occasione del suo 95esimo compleanno.

Grande successo di pubblico e tanti applausi per le “Camilleriadi” con quattro repliche andate sold out.

Uno spettacolo “vivo” che ha interessato, come location, gli interni del municipio, palazzo Spadaro e le vie limitrofe.

I siti culturali del comune di Scicli –spiegano gli organizzatori- da set cinematografici si sono trasformati in palcoscenico itinerante, in grado di cullare le storie e i testi più belli di Camilleri, valorizzati dagli attori che hanno interpretato ‘Nenè, Luigino e Maruzza’ per la regia di Salvo Giorgio e Salvo Nicita”.

Foto Emanuele Caschetto

Bilancio più che positivo, dunque, per gli organizzatori che aggiungono: “Il pubblico presente si è ritrovato così parte attiva in un percorso coinvolgente, che ha saputo sapientemente toccare anima e corpo lo spettatore”.

A interpretare, con estro e professionalità, i vari personaggi, susseguitisi nel corso della rappresentazione teatrale, sono stati Giuseppina Aiello, Gisella Burderi, Roberto Ferrera, Salvo Giorgio, Donata Minardo, Salvo Nicita, Alessandra Nifosì, Giovanni Peligra, Francesca Pisani, Veronica Ruta, Rosario Spadaro, Pietro Scardino e Francesca Cicero, coadiuvati dai ragazzi della cooperativa Agire con la sua presidente Liana Galesi.

La forte risposta di pubblico all’evento di domenica ha dato ancor più entusiasmo agli organizzatori.

Lo staff della cooperativa Agire e della compagnia teatrale Officinoff, infatti, si dice pronto a organizzare altri eventi per continuare a rendere omaggio alla memoria di Camilleri.

Quelle dello scorso 6 settembre –proseguono- sono state definite Camilleriadi (anno zero) in quanto ritenute solo l’inizio di un tributo permanente e sentito, che il Ragusano e tutta la Sicilia devono allo scrittore agrigentino.

Agire e Officinoff stanno lavorando insieme –concludono- affinché questo avvenga attraverso la creazione di una serie di eventi celebrativi che verranno proposti nei prossimi mesi e nei prossimi anni”.