La Rai e Legambiente “Kiafura” Scicli alla fornace Penna

Il servizio sarà registrato sabato 12 settembre e mandato in onda il 27 settembre su Rai 3

-Pubblicità-

SCICLI – Una giornata di volontariato dove sarà lanciato un nuovo messaggio per mettere in salvaguardia lo “stabilimento bruciato” di contrada Punta Pisciotto a Sampieri.

Lo farà “Legambiente Kiafura Scicli” sabato prossimo, 12 settembre, in occasione dell’arrivo di una troupe Rai nell’area circostante all’ex fornace Penna.

La Tv di Stato registrerà un servizio sull’iniziativa “Puliamo il Mondo” e che sarà poi mandato in onda domenica 27 settembre su Rai 3.

La Regione Siciliana faccia in fretta a salvare la Fornace Penna”, l’appello della presidente del circolo locale del “Cigno Verde”, Alessia Gambuzza.

Capolavoro unico di architettura industriale del 1912, distrutta da un incendio doloso nel 1924, – prosegue Gambuzza – rischia adesso il collasso definitivo.

 Gambuzza si sofferma sulle particolarità dello ‘stabilimento bruciato’.

Nella foto Alessia Gambuzza

La ‘Cattedrale laica del Mediterraneo’, elemento di assoluta bellezza del Paesaggio costiero siciliano, racconta la sua storia fatta di tenacia e di resistenza, di come nacque e morì e di come stia facendo di tutto per restare con noi”.

Ma racconta anche dei giorni nostri, delle nuove opportunità e dei nuovi pericoli rappresentati dagli speculatori e dalle cementificazione delle coste, di come Storia e Paesaggio oggi più di prima sono nelle mani della Società Civile”, ha aggiunto Gambuzza.

La presidente di Legambiente Scicli rinnova l’appuntamento con l’iniziativa “Puliamo il Mondo”, in programma sabato prossimo alle ore 10.

Il progetto –spiega Gambuzza- si svolge all’interno delle attività del progetto europeo INVOLVE, di cui Legambiente è capofila, programma che mira alla creazione di un modello di inclusione tra popolazione residente e migranti attraverso la creazione di percorsi di volontariato ambientale e culturale. Saranno presenti i partner Mediterranean Hope e Cooperativa Filotea”.

Alessia Gambuzza ricorda infine come “l’evento si svolgerà garantendo l’opportuno distanziamento tra le persone e ciascuno inoltre dovrà essere dotato dei propri dispositivi di protezione individuale (guanti e mascherine), prestando attenzione a non creare assembramenti”.