Scicli: il “Q. Cataudella” anticipa tutte le scuole, rientro in sicurezza

In filodiffusione accoglienza sulle note della canzone 'Jerusalema', il tormentone di questa estate

-Pubblicità-

SCICLI – Il grazie dei genitori non può che inorgoglire per un inizio di anno scolastico che l’Istituto di istruzione superiore “Quintino Cataudella” di Scicli, in tempo di Coronavirus, scriverà nei suoi annali.

Il dirigente scolastico Enzo Giannone, che in prima persona nelle ultime settimane ha curato ogni particolare logistico al fine di limitare contagi da Covid-19, è stato il deus ex machina di questo avvio di anno scolastico.

Puntualità, ordine, spirito di squadra, voglia di continuare lasciandosi dietro uno dei periodi più brutti di questo terzo millennio.

Stamattina, in anticipo di 2 giorni, gli alunni del biennio delle scuole superiori del “Cataudella” sono entrati in classe iniziando le lezioni.

Grazie, preside, per come sta accogliendo i ragazzi, per come ha organizzato accessi e per come sta dando sicurezza ai nostri ragazzisono state le parole di una mamma che parlando con il preside Giannone non è riuscita a fermare le lacrime.

Lacrime che non erano di paura ma di gioia per come il dirigente scolastico ed i suoi collaboratori hanno dato l’avvio al nuovo anno scolastico 2020-2021 che è tutto in salita per le incertezze sui contagi da coronavirus.

Accoglienza ed accompagnamento fin fuori dalle aule. Per gli oltre 100 studenti del primo biennio questo il clichè di un primo giorno di scuola carico di attese e, perchè no, di incognite.

Invece il preside Giannone ed il team di collaboratori scolatici hanno spazzato via ogni timore.

Dopo il battesimo di oggi per gli studenti del biennio, aspettiamo ora l’appuntamento di lunedì con gli studenti delle tre classi superiori – ha spiegato il professore Enzo Giannone – ho notato che i ragazzi sono allarmati. Alcuni non hanno tolto neanche la mascherina in classe. L’ho notato nel corso della visita che ho fatto nelle aule, dopo l’accoglienza davanti ai cancelli dei due complessi scolastici dei licei scientifico e classico e della ragioneria e del turistico. La chicca annunciata nei giorni scorsi ha colto di sorpresa i ragazzi. In filodiffusione in tutta la scuola accoglienza sulle note della canzone ‘Jerusalema’, il tormentone di questa estate”.

Servizio d’ordine perfetto con oltre dieci vigili urbani ad indicare gli ingressi agli studenti, con i carabinieri anch’essi impegnati a far da guida ai giovani del biennio che per la prima volta entravano in un istituto superiore destinato a disegnarne il futuro.

L’impeccabile accoglienza di oggi da parte del team del “Quintino Cataudella” è la dimostrazione che quando le cose si vogliono fare, si riescono a fare. E nella scuola del preside Enzo Giannone stamattina l’accoglienza è stata a…cinque stelle.

Frutto di idee chiare, forti e tanta volontà per garantire istruzione e salute. Frutto del lavoro instancabile di un “buon insegnante” che, a dirla con Henry Brooks Adams, “colpisce per l’eternità”.

Ed il preside Enzo Giannone è questo. Forza ragazzi del “Quintino Cataudella” siete in buone mani. A voi rimane il rispetto delle regole per costruirvi un futuro e per combattere un virus, quale il Covid-19, tutto da studiare.

Pinella Drago