Scicli: al Pd non piace l’aria di gioia della (signora) Giunta

A proposito di trasparenza, promozione turistica e compartecipazione economica…

-Pubblicità-

SCICLI – E’ un Partito Democratico ‘scatenato’, sul proprio tavolo di lavoro non solo la questione degli accessi agli atti.

In queste ultime ore è arrivato nelle redazioni un comunicato stampa in cui si parla della delibera di Giunta “con la quale l’amministrazione comunale ha ritenuto finanziare, o compartecipare, per l’importo di 4 mila euro la realizzazione da parte di un’associazione culturale di un video promozionale nell’ambito di Aria di Gioia”.
Si tratta del progetto tanto ‘caro’ all’assessore comunale al Turismo, Emilia Arrabito.

“Non possiamo fare a meno di nascondere la sorpresa –evidenzia il PD- allorquando scopriamo che un ente pubblico, tra le sue molteplici attività e prerogative si occupa anche di produzione, o coproduzione, musicale. Ma questa deliberazione lascia piuttosto sorpresi anche per altri aspetti, essendo stata assunta in un momento estremamente delicato sia per le ripercussioni economiche della recente emergenza sanitaria sia per i delicati passaggi che dal punto di vista finanziario sta attraversando l’Ente stesso”.

“È superfluo ricordare, infatti, che il bilancio, sebbene a più riprese promesso come in dirittura d’arrivo, è ben lungi dal vedere la luce, senza considerare, poi, i riflettori puntati dalla Corte dei Conti sull’attività amministrativa tutta”.

Il PD appare molto infastidito: ”Questa compartecipazione non smette di stupire anche alla luce delle condizioni in cui gli operatori culturali e le volenterose attività ricettive della città si sono trovati ad organizzare eventi nell’appena trascorsa stagione estiva: un settore messo in ginocchio dall’emergenza COVID-19, si è visto costretto ad arricchire il cartellone estivo del Comune di Scicli, con eventi di assoluta qualità che hanno allietato le serate dei tantissimi turisti presenti in città, senza però poter contare su nessun tipo di aiuto economico da parte dell’Amministrazione e vivendo nell’attesa di quelle che ad oggi sembrano ancor più vane e vacue promesse, come il famoso stanziamento da 200.000,00 euro promesso in favore delle imprese o quello da 20.000,00 euro da spendere in promozione turistica”.

Insomma, ancora una volta, -prosegue il PD- fatta eccezione delle consuete agevolazioni logistiche, si è chiesto a chi si spende per la programmazione culturale a Scicli di far da sé, e se possibile fare anche per tre. Un’autarchia, questa, giustificata, a dir dell’Ente, dagli strettissimi margini di un bilancio in corso di redazione, sì ma stretti quanto?”.

“Dal tenore della delibera di Giunta apprendiamo che la compartecipazione a tale progetto rientra tra gli obiettivi di questa Amministrazione di ‘dare visibilità alle iniziative promosse da organizzazioni ed/o associazioni private che tanto spendono in termini di impegno culturale all’interno della società culturale sciclitana’, e quindi, viene da chiedersi, quali sono i criteri per decidere chi “tanto si spende in termini di impegno culturale?”.

Ma non solo, mentre tutte le realtà culturali e ricettive della città attendono pazientemente, e forse vanamente, l’approvazione dello strumento finanziario per vedere probabilmente riconosciuto il valore delle iniziative che hanno meritoriamente portato avanti, la realizzazione di questo video verrà finanziata con le somme incamerate dalla tassa di soggiorno. Un’altra domanda ancora: perché questa scelta?”.

“A questo punto, anche e soprattutto nell’ottica di una collaborazione per destagionalizzare le attività turistiche e culturali in città, sarebbe opportuno –conclude il PD- conoscere l’intero importo di quanto incamerato con la tassa di soggiorno dall’inizio dell’anno ad oggi e quindi, consentire la redazione di un piano delle attività culturali e di promozione condiviso tra tutte le realtà che operano sul territorio nell’ottica più alta di dare vita ad un’offerta turistica e culturale qualitativamente apprezzabile”.